Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri membri hanno inviato un totale di 94167 messaggi in 3014 argomenti

Abbiamo 6092 membri registrati

L'ultimo utente registrato è triestin


    Costruzione fregata Unicorn

    Condividere

    cervotto
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 524
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 79

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da cervotto il Mar 05 Dic 2017, 13:27

    Forse dipende dal tipo di nave o da scelte del comandante, perché anche in stampe dell' epoca non ci sono, pur essendo piene di particolari minuziosi.


    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1792
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 61
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Laerte il Mar 05 Dic 2017, 17:39

    ...qualche esempio:

    HMS Agamemnon

    HMS Agamemnon

    HMS Endeavour

    HMS Kingfisher
    Tutte navi Inglesi più o meno del periodo;

    ...e la Francese Lycorne
    Quanto sopra per darti un'idea del metodo di tenuta di sicurezza del timone.
    Se ne vuoi ancora basta dirlo...
    Buon lavoro e
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.


    Giulio Meo Colombo
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Vergine Cavallo
    Numero di messaggi : 59
    Data d'iscrizione : 19.06.17
    Età : 63

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giulio Meo Colombo il Mar 05 Dic 2017, 18:08

    Grazie Umberto e Laerte. Mi pare di capire che non è un particolare sempre presente, diciamo obbligatorio, ma se piace si può fare. E a me piace.
    Scusate se approfitto della vostra gentilezza: ho visto che venivano usate prevalentemente catene e che non avevano una funzione di manovra di emergenza perchè se ho visto bene le catene erano fissate allo scafo, ma quello di impedire al timone di andare perso in caso si rompessero i cardini. E' corretto?
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1792
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 61
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Laerte il Mar 05 Dic 2017, 18:22

    La manovra del timone avveniva sempre all'interno, tramite barra fino a circa la metà del '700 e successivamente, sulle navi più grandi, tramite ruota e sistema di pulegge.
    Quello che vedi sugli esempi è esclusivamente un sistema per far sì che il timone non andasse perduto specialmente durante i grossi fortunali. In molti casi la catena poteva essere sostituita da cime.
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.


    Giulio Meo Colombo
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Vergine Cavallo
    Numero di messaggi : 59
    Data d'iscrizione : 19.06.17
    Età : 63

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giulio Meo Colombo il Gio 07 Dic 2017, 11:09

    Ciao a tutti
    fatti gli alberi e i pennoni.

    Ho cominciato a realizzare le crocette sotto le coffe per poi montare gli alberi.
    Confermate se è un'idea giusta: prima di incollare le coffe agli alberi credo che convenga posizionare quel grappolo di bozzelli che è agganciato sotto le coffe e le crocette. Il punto è che le istruzioni sono sempre più stringate. Sembra che si siano stufati di dare tante indicazioni. Per esempio i disegni ci sono quasi sempre, ma è una caccia al tesoro andarli a scovare tra le varie tavole perchè non viene menzionata neanche l'esistenza.
    Piccolo consiglio per i principianti:
    16 - Nel preparare le crocette sotto le coffe le istruzioni indicano di posizionare i listelli lunghi a filo delle aperture delle coffe. Non è così: prima di incollare i vari listelli prendete l'albero interessato e l'altro pezzo che ne è la continuazione e relativa testa di moro. Controllate dove si va a parare e fate in modo che l'apertura rettangolare che si forma al centro della crocetta coincida con gli alberi.
    Alla prossima
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1792
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 61
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Laerte il Gio 07 Dic 2017, 12:06

    Giusto consiglio, Giulio... quell'apertura rettangolare è detta "buco del gatto", giusto per precisione.
    Ti consiglierei un'ottimo libro per la dotazione degli alberi di una fregata del XVIII sec.:
    Lennarth Petersson, Rigging Period Ship Models - Chatham Publishing
    Magari un regalo di Natale...
    A presto e guarda la tua mail personale...
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.


    Giulio Meo Colombo
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Vergine Cavallo
    Numero di messaggi : 59
    Data d'iscrizione : 19.06.17
    Età : 63

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giulio Meo Colombo il Gio 07 Dic 2017, 13:05

    Ciao Laerte,
    sei assolutamente impagabile, e ora già conosco quali saranno le mie letture di Natale!
    Il "buco del gatto" lo conoscevo grazie ai romanzi di O' Brian che parlano delle avventure della Surprise, che ovviamente ho letto tutti d'un fiato.
    Comunque nelle mie osservazioni sulla costruzione delle crocette, per apertura rettangolare non mi riferivo al buco del gatto che si trova tra i listelli corti e la coffa, ma a quell'apertura centrale che verrà occupata dal passaggio degli alberi. Ovvio che non sono riuscito a spiegarmi...
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1792
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 61
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Laerte il Gio 07 Dic 2017, 16:20

    Avevo frainteso io!
    Adesso ho capito a cosa ti riferivi.
    Poco male, invece spero ti sia utile il mio regalino...
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.


    cervotto
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 524
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 79

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da cervotto il Gio 07 Dic 2017, 17:57

    Le crocette della coffa sono costituite dalle Barre Costiere (rosso) che sono sopra le maschette e sul fianco dell' albero; Barre traverse, di cui una dietro l' albero, che forma il Buco del gatto (giallo); una davanti all' albero (blù); la terza più a prua forma un quadrato con la seconda (verde) in cui alloggia il piede (rabazza) dell' albero di gabbia. Più sopra la crocetta sarà uguale per l' alberetto di velaccio, poi di velaccino.
    avatar
    pier antonio ceci
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Ariete Gatto
    Numero di messaggi : 400
    Data d'iscrizione : 10.06.15
    Età : 54
    Località : San Marino

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da pier antonio ceci il Gio 07 Dic 2017, 19:49

    Ciao Giulio; per rastremare gli alberi e i pennoni hai usato il tornio o altri metodi, come la carta vetrata?

    Buon Navigare.

    Pier Antonio.

    Giulio Meo Colombo
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Vergine Cavallo
    Numero di messaggi : 59
    Data d'iscrizione : 19.06.17
    Età : 63

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giulio Meo Colombo il Ven 08 Dic 2017, 09:24

    Ciao umberto,
    grazie dei disegni. In effetti quando dicevo che bisogna capire dove si "va a parare" intendevo quello che ci fai vedere, ossia gli spazi che si creano, oltre al buco del gatto, devono essere a misura degli alberi che ci passano. Nel progetto Corel sono un po' semplificate, non c'è la traversa centrale. Vedrò se aggiungerla.
    Per Pier Antonio:
    Per smussare gli alberi e pennoni ho usato prima un piallino da modellista, appoggiando il tondino su un piano e facendolo ruotare ad ogni piallata. Ti assicuro che dà molta soddisfazione! Ovviamente alla fine il profilo non era proprio tondo, quindi un po' prima di raggiungere il diametro finale montavo il tondino in un avvitatore

    e facendolo girare lentamente con la carta vetrata del 180 eliminavo gli scalini.
    Se non stringi troppo il mandrino non danneggia minimamente il legno.
    Quel tipo di avvitatore ha il vantaggio di avere una base piatta come vedi dalla foto quindi era stabile di suo. Se usi un trapano (sempre a velocità regolabile) credo che convenga fissarlo, per esempio in una morsa.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 498
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 72
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giorgio 45 il Ven 08 Dic 2017, 16:53

    Bravo Giulio,
    un buon metodo a basso costo il tuo, che richiede però maestria, per la realizzazione di alberi e pennoni.

    Il tornio, per me, con l’aiuto di un calibro,rimane il mezzo migliore per potersi maggiormente avvicinare a quelle che sono le dimensioni standard degli alberi e dei pennoni che, per maggior chiarezza espresso come 1 il diametro  maggiore , ti ripropongo con questo disegno …



    ovviamente bisogna saper lavorare al tornio anche se con alcune prove e molta pazienza si ottengono presto buoni risultati.

    Buon vento

    Giorgio45

    Giulio Meo Colombo
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Vergine Cavallo
    Numero di messaggi : 59
    Data d'iscrizione : 19.06.17
    Età : 63

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giulio Meo Colombo il Sab 09 Dic 2017, 21:05

    Ciao Giorgio,
    oltre a saper usare un tornio, bisogna possederlo Razz. In ogni caso non credo, senza falsa modestia, di avere tutta questa maestria con il piallino. Credo che non sia una cosa particolarmente difficile.
    Molto interessante la tua immagine, perchè da quanto avevo indagato il profilo non è conico, come da semplificazione dei disegni, ma è leggermente "bombato". La tua è una piacevole conferma. Sembra un particolare irrilevante ma in realtà è qualcosa che si percepisce.
    Ovviamente, anche se non l'ho menzionato, l'uso del calibro è continua e indispensabile in questo lavoro. Ma davo per scontato che un calibro elettronico è uno strumento primario per un modellista.

    Giulio Meo Colombo
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Vergine Cavallo
    Numero di messaggi : 59
    Data d'iscrizione : 19.06.17
    Età : 63

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giulio Meo Colombo il Dom 10 Dic 2017, 21:13

    Ciao a tutti,
    un piccolo sfogo: questa volta penso che nessuno può aiutarmi, più di quello che avete fatto. Sono due o tre giorni che il lavoro è fermo perchè passo il tempo a studiare per cercare di avere una visione d'insieme delle manovre fisse e correnti, cosa che non ho mai fatto, quindi faccio outing sulla mia ignoranza in materia. non pensavo che ci fosse una tale complessità. Magari mi sembra così adesso, poi dopo mi sembrerà tutto più semplice. L'apporto di Laerte mi è stato utile, ma passare da un modello in generale a uno specifico non è così banale. In particolare vorrei montare tutti i bozzelli, bigotte, fori sugli alberi, legature, ecc.. prima di procedere a montare gli alberi sullo scafo perchè penso che dopo sarà tutto più difficile. Per non mettere definitivamente in crisi la mia autostima credo che monterò quello di cui sono abbastanza sicuro, e poi aggiusterò in corso d'opera seguendo le circa centocinquanta istruzioni sulle manovre.
    E adesso che vi ho comunicato le mie paturnie mi sento meglio, e passerei a un piccolo O.T. se gli amministratori lo concedono:
    Si avvicina Natale e vorrei farmi in regalo un'attrezzatura modellistica. Ma non so decidermi e mi piacerebbe conoscere il vostro parere.
    Quello che possiedo è un'attrezzatura di base più un Dremel con supporto a colonna e flessibile.
    Il mio limite è che ho a disposizione un tavolo tutto per me, non un laboratorio. E già mi sento un privilegiato rispetto a quando usavo il tavolo del tinello che andava sgomberato prima dei pasti. Very Happy
    Il mio sogno è sempre stato un tornio per metalli, ma a parte il costo mi sa che è abbastanza ingombrante. Quindi pensavo a queste cose: un minitornio per legno tipo proxxon, un seghetto elettrico alternativo, una minisega circolare o una mini bindella, una fresatrice, o quello che non mi viene in mente...
    Cosa vi sembra più utile?
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 498
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 72
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Giorgio 45 il Dom 10 Dic 2017, 22:52

    Ciao Giulio,
    mano a mano che sale la passione per il modellismo e si vuole raggiungere maggiore precisione o rifare parti o pezzi introvabili … tutti gli strumenti di precisione diventano utili.
    Fondamentali sono le proprie disponibilità economiche e rendersi conto che un attrezzo bisogna comunque imparare a usarlo prima di raggiungere un buon risultato.
    La scelta, dilazionata nel tempo, può essere quella di acquistare l’attrezzo che in quel momento del tuo lavoro pensi possa esserti più utile.
    Se risparmi al momento … poi con l’esperienza ti accorgerai di dover rifare l’acquisto con uno strumento più preciso … per esempio se vuoi fare dei fori per una cavigliera li puoi fare a mano libera con errori valutabili in decimi di millimetro e non tutti perpendicolari … per farli precisi serve un trapano a colonna in cui puoi decidere sia la profondità del foro con avanzamento millimetrico che dei fori allineate e equidistanti ottenibili montando sulla sua base un tavolo a croce.
    Il tuo Dremel con supporto a colonna potrebbe sembrare sufficiente ma li è la base che, per forare, si muove verso la punta in modo impreciso e tremolante non permettendoti né una buona precisione né il fissaggio di un tavolo a croce.
    Hai comunque un buon micro-trapano per uso a mano libera sempre migliorabile con un variatore di velocità.
    Buon vento
    Giorgio45
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1792
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 61
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Laerte il Lun 11 Dic 2017, 12:16

    Giusto sfogo il tuo, Giulio, sappi che ci siamo passati tutti e non tutti perfettamente indenni. Come in tutte le cose ci vuole un po' di pazienza e di gradualità, le manovre di una nave a vela nessuno ha mai detto che siano semplici. Se parti da prua e risolvi uno alla volta i problemi che nascono, mettendoci il giusto tempo per capire e per applicare quello che hai capito, alla fine sarai molto soddisfatto del tuo lavoro. E' una giusta tecnica predisporre tutti gli ammennicoli su alberi e pennoni prima di porli in opera, sarà più semplice passare le manovre per ogni singolo bozzello. Naturalmente parti dalle manovre dormienti (quelle fisse, per intenderci) e solo dopo aver ben stabilizzato alberi e pennoni passa alle manovre correnti. Anche in quelle applica pazienza e gradualità, è la parte secondo me più complessa di una costruzione. Fatti un semplice programma e parti.
    Buon Vento,
    Laerte
    P.S.: Tutti gli attrezzi sono utili ma, a parte un cutter, un trapanino, tante punte e tante lime, se lavori su un kit in scatola, pochi sono così indispensabili. Aiutano moltissimo, è vero, ma anche nell'acquisto ci vuole gradualità. Questa esigenza la avrai quando passerai a cose sempre più complesse... intanto ti invidio un tavolo tutto tuo!
    Buon Lavoro e
    Buon Vento


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.


    Contenuto sponsorizzato

    Re: Costruzione fregata Unicorn

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Gio 14 Dic 2017, 23:59