Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri membri hanno inviato un totale di 92167 messaggi in 2931 argomenti

Abbiamo 5972 membri registrati

L'ultimo utente registrato è Giorgio Allegri


    Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Condividere
    avatar
    Valter Cirillo ADAMI
    Sotto tenente di vascello
    Sotto tenente di vascello

    Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 110
    Data d'iscrizione : 12.01.16
    Età : 64
    Località : genova
    Umore : dipende da spore pollini e VOC

    Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Valter Cirillo ADAMI il Lun 22 Feb 2016, 20:42

    santa SONO BABBO NATALE, ho dato io il permesso a Valter di fare le lance diverse anche perché uguali non ci riuscirebbe!

    Buonasera doriani (e genoani),
    grazie amici degli interventi, ne ho piacere ed effettivamente riconosco che ci vuole un poco di volontà in più per continuare l'impegno con l'ANDREINA. Saluto con simpatia Laerte e Costanzo=le Vs parole sono vitamine per il mio spirito... e riprendo... indefesso le mie avventure, passo allo scheletro di travetti che regge la cerata di copertura (u tendalin): sono quarti di quadrello di tiglio 1x1 ripuliti con cartavetro da carrozziere 600/800 (e pelle di polpastrello che se ne va...). Per i rinforzi centrali, ne ho disegnato un esempio nella foto dell'ultimo messaggio precedente, ho usato scaglie ricavate da uno strato di... multistrato 1,5 mm opportunamente sagomate per la bisogna. Ho cercato di farle tutte uguali (...ma non ho trovato...). Per il montaggio mi sono servito di una dima in cartoncino vedi foto in alto a dex, rivestita momentaneamente con della pellicola per alimenti per non fare incollare il legno al cartone. Poi ci ho posato al centro lo stangone capovolto con giá incastrati tutti i rinforzi e poi via con i laterali; tagliati a mustacciolo aderiscono bene e con realismo allo stangone come al falchetto. Il vinavil poi dá il tempo per poter prelevare il pezzo completato e posarlo sulla falchetta della lancia per compiere eventuali aggiustamenti di lunghezza (sempre col fedele tagliaunghie) e ualá!
    Ogni lancia ha la sua biscaglina in dotazione che arrotolata a bordo della barca era un ingombro enorme. A giudicare dalle foto d'epoca, 16 oggetti del genere lunghi 10 mt. l'uno costavano più d'una Maserati! Le ultime foto della Doria che affonda ne mostrano l'impiego. E' anche possibile approssimarsi al vero anche con una scala 1:200! La larghezza dello scalini gioca fra i due e i tre mm. Ho proceduto cosí: su di un piano di compensato ho piantato 4 lunghi spilli, 2 a dex distanti fra loro giusto 2/3 mm e due al lato opposto di sin idem c.s. Li ho collegati con due fili di cotone nero N.80 avendo cura con uno spessore di tenerli lontani di qualche mm dal piano per non fare che incollo biscaglina e compensato! Sopra questi fili ne lego un altro come in figura della foto. La possibilità di avere la parte superiore scorrevole in su e giú mi dá l'opportunità di tener fermi i pioli fra i due fili mentre con una punta sporca di vinavil li incollo incastrandoli fra i due fili stessi. Procedo un piolo alla volta! I pioli, naturalmente, sono i soliti quarti di quadrello (in noce) 1x1. La lunghezza necessaria del piolo la ricavo prima d'iniziare tutta 'sta battaglia... me ne faccio una bella scortina avendo cura che siano... tutti diversi! COSI' ALMENO QUALCUNO UGUALE RIUSCIRO'A FARLO NO'!? Eggiá, qui ci vorrebbe il mobiliere del TITANIC. Chi? Ma si, un collega di questo Forum che sta tenendo un Topic sul suo Titanictutteleditte. Ah si, si, perbaccolina quello si che saprebbe darmi una bella mano!
    Beh, buona serata e buon non-compleanno a tutti, alla prossima micro scialuppa...
    avatar
    Umberto Campo
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschile Bilancia Maiale
    Numero di messaggi : 876
    Data d'iscrizione : 13.08.12
    Età : 57
    Località : Caltagirone - Catania

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Umberto Campo il Mar 23 Feb 2016, 08:14

    ... avanti così Valter
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Laerte il Mar 23 Feb 2016, 10:11

    Un lavoro improbo ma efficace quello delle biscagline, Valter!
    Reitero complimenti... ma attento che ti seguo con attenzione! Suspect
    A presto,
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    Valter Cirillo ADAMI
    Sotto tenente di vascello
    Sotto tenente di vascello

    Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 110
    Data d'iscrizione : 12.01.16
    Età : 64
    Località : genova
    Umore : dipende da spore pollini e VOC

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Valter Cirillo ADAMI il Mer 24 Feb 2016, 17:07

    CLEMENZA!
    Caro Laerte, i miei affinamenti si limitano a quanto mostrato dalle impietose foto macro che mando, buono per profani! A vedere quello che certa gente mostra nel forum... mi sento tanto un Fantozzi!
    Comunque, gran lasco!


    Buona salute a tutti, doriani e non.
    Argomento lance di salvataggio coperte dalla cerata:
    1pz. lancia piccola, 1 pz. motobarca, 11 pz. lance grandi. Parto da queste.
    Osservando le lance originali individuo... un sacco di sagole! Anche due cavi tesi lungo l'opera viva, forse stabilizzatori? Nónzo! Ho fatto una prova ma non stavano per niente bene e cosí li ho ignorato d'autorità! Invece ho optato per le cerate con le padellette che sono molto coreografiche. Di queste orecchie ce n'erano 7 per lato e fra una e l'altra la sagola s'infilava sotto la cerata esclusi due giri a poppa e a prua dove il cordino passava sopra la tenda. Predispongo una dima con le posizioni delle padellette e quindi passo al pezzo grezzo fornitoci da Ascette. Mi premunisco: quando tenderó le sagole mi serviró di tacche sulla falchetta per incastrarcele. Faccio 'ste tacche, 8 per lato più 7 per le sagole originate dalle padellette (in realtà per queste ultime, come mostreró in seguito, ne basterebbero 4 da un lato e 3 dall'altro ma è meglio andare lisci e tranquilli), uso un cutter a lama d'acciaio piccola. Ci vorrebbero anche guanti di ferro per evitare affettamenti! 330 tacche, quando finisco sto 3 gg senza poter tenere in mano una penna, cheddolori! Poi ci sono 3 punti critici dove la sagola scorre attraverso la (o è ancorata alla-) chiglia, li fisso: 2 sulla ruota di poppa e uno sul dritto di prua. Faccio un foro passante per ognuno (diam. 0,35) più 2 lungo la chiglia per le sagole a vista (55 fori).
    Ab secundum numero tutte le barchette dall'1 all'11 e faró cosí anche per tutti i pezzi che le riguardano e che verranno fatti in serie seguendo la propria barchetta e non solo, segneró anche dov'è poppa e dove prua. Servirá molto! I gusci grezzi di Ascette sono tutti SIMILI (e non uguali). Il risultato finale dovrà apparire pressappoco come una tenda canadese che copre tutto e quindi lavoreró comodo e facile per le cose non visibili. La sequenza sarà: PAGLIOLO (che resta quel che l'é)+SUPPORTO DI CARTONE ONDULATO+CARTONCINO DA DISEGNO SAGOMATO+STOFFA DI COTONE IRRIGIDITA CON VINAVIL DILUITO. Tutto questo di base, poi penseró al resto. Ora mi fermo perché se mi si blocca il computerz perdo tutto!
    A presto e buon non-compleanno a tutti.
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Laerte il Mer 24 Feb 2016, 17:50

    Bon, considerata la scala a me sembrano eccellenti!
    Grazie per il mio non-compleanno di domani,
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    Valter Cirillo ADAMI
    Sotto tenente di vascello
    Sotto tenente di vascello

    Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 110
    Data d'iscrizione : 12.01.16
    Età : 64
    Località : genova
    Umore : dipende da spore pollini e VOC

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Valter Cirillo ADAMI il Gio 25 Feb 2016, 19:44

    Buona serata a tutti i doriani (e genoani)
    Continuo con le lance grandi coperte.
    Parto dai grezzi di Ascette, comincio irruvidendo con carta vetro a grana grossa la superficie di plastica dei cubi presenti sulle lance cosí si ancorerá bene il vinavil col cartone ondulato: quest'ultimo è cosí composto: 3 strisce affiancate con quella centrale più alta delle due laterali (fará da colmo alla tenda) posate in costa sui cubi carteggiati e ... vinavil a chili. Perché questo rozzo incedere? Molto semplice: l'ondulato, quando sarà coperto da carta e stoffa, con una semplice pressione delle dita spero mi conceda scianses (l'é un francesismo) per eventuali aggiustaggi a scialuppe completate per renderle il più omogenee possibile fra loro. Passo al foglio da disegno ruvido (120 gr.) sul quale ho riportato le sagome (numerate ed orientate) delle 11 lance. Siccome vanno piegate a metá, ne segno la mezzeria e non solo; disegno anche l'impronta della struttura di sostegno dei teli. Questa parte resterá a vista fino a che non l'incolleró all'ondulato. Tornerá utile in seguito. Ritaglio le 11 sagome tenendomi abbondante di qualche mm e faccio anche due taglietti a poppa e prua sulla mezzeria perché piegandole possano prendere la forma di una tenda in... curva. Anzi, piegando in alto e ripiegando ancora si forma sul cartoncino un rigonfiamento naturale lungo la mezzeria che poi sotto il telo riuscirá a simulare lo stangone centrale.
    Ora ho gli 11 sostegni di cartone in opera sulle barchette ed i rinforzi di cartoncino pronti per la stoffa. Da buon genovese, quella che ho usato era cosí vecchia e lisa che ogni tanto mi si strappava tra le mani!
    Per avere un telo rigido, sagomato e manipolabile agisco cosí : poso senza incollarla sull'ondulato che ormai è corpo unico con la scialuppa ancora grezza, la sagoma della canadesina di cartoncino curandomi che stia tutta a filo della falchetta. Avvolgo ed ammolletto il tutto con la stoffa ben tesata come in foto
    é una foto di servizio, dentro c'è un tubetto! Perché ormai le scialuppe le avevo fatte giá tutte l'estate passata
    url=http://www.servimg.com/view/19399356/40][/url]
    e vado di spennellature col vinavil al 30% con acqua. Passo e ripasso. Lascio asciugare e poi segno sulla stoffa dove tagliare il superfluo. Stacco tutto, sulla plastica ho gioco facile, ed ottengo una bella canadesina di stoffa con cartoncino incorporato. Bene.... alla prossima!
    avatar
    Valter Cirillo ADAMI
    Sotto tenente di vascello
    Sotto tenente di vascello

    Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 110
    Data d'iscrizione : 12.01.16
    Età : 64
    Località : genova
    Umore : dipende da spore pollini e VOC

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Valter Cirillo ADAMI il Ven 26 Feb 2016, 16:53

    Buona sera amici doriani (e anche Genoani)
    Proseguo e se mi regge la vista, termino con le lance coperte grandi:



    A questo punto devo decidermi sul filo da impiegare per rispettare la scala 1:200. Il diam. ideale lo trovo nel filetto di rame da cavetti elettrici MA, provatolo, NON SI VEDE! e quel che a bagliori si... intravvede è arancione!! OK, passo al cotone, filo da cucire. Non regge agli sfregamenti e si sfalda. Opto per il minimo refe; bianco 0,15... in scala risulterebbero delle belle sagolette di 3 cm di diam.
    CLEMENZA ! (ormai è il mio tormentone! e coll' injegnier che mi sta col fiato sul collo...). Ma dai che a occhio nudo regge... Mo passo alle padellette: le canadesine appena fatte hanno il loro bordo tutt'intorno e useró quello, dalla parte interna per incollare col vinavil i TRIANGOLINI che ricavo dalla stessa stoffa avanzata dal lavoro precedente e giá inamidata dalla colla. Faccio striscette un poco più larghe del necessario per la parte che va nel bordo e vado di forbice. Un zig-zag di 154 tagli e più (abbundanziam). li incollo in posizione come da dima fatta nella puntata precedente. Preparo le sagolette, quelle che partono dai triangolini di cui sopra: 77 pezzetti di refe da 5/6 cm, giusto per poterli poi maneggiare. Ne appiattisco un apice e lo incollo col vinavil internamente alle padellette, da base a punta. UNA PADELLETTA SI' ED UNA NO. Perché quando saranno ben asciutte e salde, con la canadesina incollata al cartone ondulato, tenendo saldamente fra le dita la barchetta, potró tendere la sagola (ormai incollata bene) intorno allo scafo ed infilandomi nel bordo opposto della stoffa, andare ad incastrarla in una delle famose tacche della puntata precedente (mi serviró di pinzette a punta). Vinavil su filo-tacca-padelletta (per insinuarmi nel bordo mi serviró di stuzzicadenti puliti!) e pressione col dito per qualche minuto... andrá bene! Ma torniamo al prima: con 11 canadesine capovolte sul tavolo irte di filetti come tentacoli di attinie! Vedo sul cartoncino interno ad ognuna, il disegno della struttura in legno per sostenere la cerata (puntata precedente). ORA, servendomi di un cacciavite a taglio (smussato, sennó taglia!) e di un martelletto, poso la canadesina su compensato di pioppo=morbido e dando una leggera martellatina sul segno interno delle traversine, si forma sulla parte esterna un accenno di reticolo che con luce radente-vedo non vedo-bibí e bibó, dá l'idea di aver una struttura sottostante. Ah! Addirittura, andando con mano un poco più pesante, si ottiene un effetto di CERATA NON TESATA. Ne ho provata una, la lancia piccola che mostro in una foto di qualche puntata fa. La lasceró con qualche sagoletta in bando tipo: fine-turno o ...è mezzogiorno ed il sole picchia o ...il nostromo dorme ecc.
    Passo alle barchette, è tempo di pitturarle... dopo una carteggiatina anti-vinavil. L'elica la lascio di  ottone. Poi procedo coi golfari e catenelle come ho giá fatto con la prima lancia, quella scoperta ed infine, prima d'incollare il telo, metto tutte le sagole che posso e che non riguardano le padellette. Alla fine, le ultime due esterne a tutto (passare dai buchi aiuta se si sporcano le punte di vinavil) e ...ualá! Ho avuto un poco di noie a fare uscire le catenelle dalla stoffa nel momento in cui attacco canadese/attinia col vinavil alla barchetta/cartone ondulato. Mi sono aiutato col filo da cucire cosí non ho allargato troppo il buco di uscita dalla stoffa che effettivamente faceva una gran resistenza! Passo alla motobarca... domani. Buona sera e buona salute a tutti!
    avatar
    Valter Cirillo ADAMI
    Sotto tenente di vascello
    Sotto tenente di vascello

    Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 110
    Data d'iscrizione : 12.01.16
    Età : 64
    Località : genova
    Umore : dipende da spore pollini e VOC

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Valter Cirillo ADAMI il Dom 28 Feb 2016, 15:43

    Buona domenica doriana (speraGenoa!)
    Passo alle ultime barchette: MOTOLANCIA,


    Il grezzo fornitoci da Ascette è un pallido accenno alla realtà MA comunque importante perché dá una buona  linea d'intervento. Questa lancia era estremamente caratterizzata da un cassone a poppa per l'accesso al motore, invero piuttosto spiazzante: tutto ammucchiato a sinistra e di forma... SEMI-QUASI-FORSE a quarto d'uovo! Eppoi c'era il vano tecnico a prua: uno sgabuzzino con le apparecchiature radio che assomiglia moltissimo a quei cessi di campagna situati lontano dalla casa vera e propria. Era munito di buchi (nelle foto non si vedono obló) laterali e porticina tipo dispensa. Al centro barca un bel fuso+alberetto con i suoi tiranti, tiracavi, bozzellini ecc. Tutto smontabile. Il resto della barca è come le altre giá fatte e mostrate: sagole passamano, scalmotti, panche, pagliolo.
    Nessun problema per il baule-motore che ho lasciato dove l'ha messo Ascette. L'ho solo un poco ingrandito sovrapponendo un pezzetto di plastica semicilindrica, spezzoncino di quelli che trattengono insieme gli accessori nei fascicoli. In più sopra ci ho posato il solito cartoncino-coperchio sovradimensionato che dia giusto l'idea di uno sportello. Per lo sgabuzzino ho fatto un bel cubetto di compensato, l'ho forato (diam.1,2) da parte a parte e mi sono vendicato di quei zozzoni che avevano progettato una schifezza tale! Ci ho messo una porticina di legno (solita scheggia di strato da compensato) tipo Hansel & Gretel, 2 obló (diam. int. 1mm esterno 2mm) che ho incastrato a forza con le pinze a filo parete (per evitare rigonfiamenti che rovinerebbero il colpo d'occhio) e il solito coperchio-tetto in cartoncino MA di tipo ruvido che cosí dá l'impressione di ondulato di Eternit! (poco serio ma mooolto divertente). Passo all'antenna: quadrello di noce 1x1, rastremato al limite della consistenza e gran soddisfazione: un bel fuso ed un ottimo alberetto di noce gran lusso! Prendo un tubetto di ottone diam. 2mm e ne taglio due fette=anelli. Infilo dentro i due alberi nel primo e stringo al centro con una tenaglia: ualá il collarino. Passo al secondo, la testa di moro. Tuttochei! Tutto perfetto! Per le manovre useró: cavetto di rame per i tiranti ancorati al parapetto, filetto di rame per le cime, 2 golfari di Ascette da mettere sul pagliolo ai piedi dell'albero e la parte posteriore degli obló da 1mm (VEDI FOTO) per i bozzellini.

    Il reale è peró un altra cosa e cerco di spiegarlo nel disegno della foto. Non ce l'avrei mai fatta. E in più gli stralli (probabile antenna radio) con gli isolatori... IMPOSSIBILE. Allora Tutto bene? MANCOPEGNNENTE! Stavo tirando il rame che veniva bello teso e ... all'ultima tirata dell'ultimo filetto... forse la tensione, forse la stanchezza. Di sicuro non mi sono accorto di avere la mano pesante e ... CRACK!!!... S'è spezzato l'alberetto! Ma p..CENSURA.. Rifare tutto? Mannó Valter, pensa al proverbio Zen che dice: LASCIA LA PERFEZIONE AGLI DEI, LA LORO INVIDIA POTREBBE ESSERTI PERICOLOSA. Ok, l'aggiusto un po'. M'invento un fanale, bianco-barca a motore, raddrizzo qualche filetto... poi ci penseró. Perintanto mi rincuoro, prendo lo strobo-inter-riduttore-spazi-interatomici e ne dirigo il raggio luminoso su di un'ápplique a tartaruga dell'Ikea...Fatto! Cosí lo sgabuzzino ha sulla porta anche la sua luce di servizio (maddai... è l'anello di un obló da 2 mm riempito con una goccia di colla...) e guai a chi me lo critica!! Buona salute a tutti...
    A proposito, buon non-compleanno Signor Bollani!
    avatar
    Valter Cirillo ADAMI
    Sotto tenente di vascello
    Sotto tenente di vascello

    Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 110
    Data d'iscrizione : 12.01.16
    Età : 64
    Località : genova
    Umore : dipende da spore pollini e VOC

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Valter Cirillo ADAMI il Ven 04 Mar 2016, 22:27

    Buona serata a tutti, doriani e... genoani.
    Con queste noterelle vado a mostrar le intenzioni di modifica (... ancora ci ho d'arrivarci!) al sistema generale delle gru delle lance di salvataggio (pure quelle di poppa ma sono in una foto all'inizio di questo percorso e ancora lá stanno). Io penso che se Ascette l'avesse proposto ad occhi chiusi (in entrambi i casi: le loro gru di poppa hanno il braccio nell'impossibilitá di brandeggiare!), avrebbero fatto meno danni. Quanto cerco di mostrare per le gru delle lance potrebbe sembrare molto impegnativo (apparlatomichelangelo!) ma in realtà, nonostante il mio, di impegno a rendere le immagini difficili da tradurre, basta un poco di pazienza in più, qualche filo in più da tirare (e vorrei vedere chi avrà il coraggio di tenersi quella meraviglia prevista da Ascette!). A sí, c'è anche l'impegno del paranco sulla testa delle gru: ho provato a farlo unendo a sandweetch (maccomesiscrive?) 2 sagomette di cartoncino con dentro un anellino di catenella. Sinceramente, non ho il coraggio di mostrarli troppo: sono quei pidocchietti in foto accanto al Codice daVinci del paranco che ho disegnato. Se qualcuno di quelli che sono a questo punto avrà voglia di provarci... sarei curioso di veder cose...




    url=http://www.servimg.com/view/19399356/46][/url]

    Esaurisco cosí gli argomenti alternativi sulla mia ANDREA DORIA - HACHETTE. Se la salute accompagnerá la salacca che sono, vedró di dare un senso a tutta la manfrina logorroica che vi ho propinato, magari portando a compimento il modello entro quest'anno. Sperem! Confido nella VS pazienza, solidale e confortante. Questa strana, intangibile amicizia fra sconosciuti che la tecnologia moderna s'è inventata. Derresto, siamo animali sociali. Mi faró vivo...
    ... il vecchio sognava i leoni...
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Laerte il Sab 05 Mar 2016, 12:03

    Sei come sempre esauriente e comprensibile Sleep , vedremo i risultati!
    Un caro augurio di buon lavoro, continua sempre così.
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    ccf
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Pesci Cavallo
    Numero di messaggi : 612
    Data d'iscrizione : 07.02.13
    Età : 75
    Località : FERMO

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da ccf il Dom 06 Mar 2016, 22:14

    Ciao Valter,

    Complimenti. Vedo che hai fatto, con certosina pazienza, un ottimo lavoro.
    Quando riprenderó i lavori, copieró qualcosa..... se i diritti di autore non saranno troppo cari.....

    Buon proseguimento.
    avatar
    Valter Cirillo ADAMI
    Sotto tenente di vascello
    Sotto tenente di vascello

    Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 110
    Data d'iscrizione : 12.01.16
    Età : 64
    Località : genova
    Umore : dipende da spore pollini e VOC

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Valter Cirillo ADAMI il Mar 08 Mar 2016, 11:35

    Per CICCIF: un buon augurio... per il tuo anno in più! E poi, diritti? Diritti? Ma se non ci ho manco più un dito diritto!(sto diventando la controfigura di Longjonsilver) Ah, sarebbe un grande piacere veder fare bene quel che propongo male! Mó quel che so' fare meglio sono chiacchere e t'ha visto quanto lunghe... a proposito...
    Per l'Injegnier:
    Sleep Ah sí! AH É COSÍ!! Sleep ....... Mia faglia fa' uguale quando attacco a parlare....
    ...addávení...
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Laerte il Mar 08 Mar 2016, 11:44

    Un abbraccione, Valter!
    E' sempre un piacere leggerti!!!

    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    ccf
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Pesci Cavallo
    Numero di messaggi : 612
    Data d'iscrizione : 07.02.13
    Età : 75
    Località : FERMO

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da ccf il Mar 08 Mar 2016, 12:51

    Valter Cirillo ADAMI ha scritto:Per CICCIF: un buon augurio... per il tuo anno in più!
    Grazie.
    L'importante é poterli contare.......

    (sto diventando la controfigura di Longjonsilver)
    ......ma quello usava pistola e fucile.....
    avatar
    alimurimeta
    Tenente di vascello
    Tenente di vascello

    Maschile Vergine Dragone
    Numero di messaggi : 192
    Data d'iscrizione : 30.01.15
    Età : 40
    Località : salerno
    Umore : a dente di sega

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da alimurimeta il Mer 06 Apr 2016, 15:56

    Salve a tutti,mi complimento con i modellisti che hanno già concluso la costruzione di questo splendido modello. Da qualche giorno ho ricevuto un gradito regalo: la raccolta completa del modello della Andrea Doria. Premetto che non ho mai realizzato un modello da fascicoli, solo scatole di montaggio prima e autocostruzione poi. La mia intenzione è quella di rendere il modello perfettamente navigante in modalità R.C. Il modello è stato costruito fino al fascicolo 60 circa. Quindi scafo e parte delle sovrastrutture sono state già realizzate. Purtoppo le ho dovute smontare, compresi i bagli per poter rendere rimovibile tutti ponti. In più ho rimosso i pianali interni tra le ordinate e rifilato i longheroni superiori presenti tra le ordinate. Ritengo sia molto utile per sistemare la zavorra quanto più in basso possibile
    Ecco alcune foto del mio operato











    Saluti e alla prossima

    ALIMURIMETA
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Laerte il Mer 06 Apr 2016, 18:13

    Egregio lavoro, Francesco!
    Buon Vento e buon lavoro,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    ccf
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Pesci Cavallo
    Numero di messaggi : 612
    Data d'iscrizione : 07.02.13
    Età : 75
    Località : FERMO

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da ccf il Mer 06 Apr 2016, 18:20

    Ciao Francesco,

    benvenuto a bordo.....

    Salve a tutti, mi complimento con i modellisti che hanno già concluso la costruzione di questo splendido modello.
    Io non ho ancora concluso, ma sono abbastanza vicino alla conclusione (al momento sto realizzando la parte elettrica luci e relativo circuito per il radiocontrollo delle stesse). Spero di reperire il materiale che mi manca alla prossima fiera di Forlí.

    Da qualche giorno ho ricevuto un gradito regalo: la raccolta completa del modello della Andrea Doria. Premetto che non ho mai realizzato un modello da fascicoli, solo scatole di montaggio prima e autocostruzione poi.
    Se hai autocostruito non sará certamente un problema realizzare l'Andrea Doria.

    La mia intenzione è quella di rendere il modello perfettamente navigante in modalità R.C. Il modello è stato costruito fino al fascicolo 60 circa. Quindi scafo e parte delle sovrastrutture sono state già realizzate.
    Anche io l'ho reso navigante (anche se probabilmente navigherá solo nella vasca da bagno......)

    Purtoppo le ho dovute smontare, compresi i bagli per poter rendere rimovibile tutti ponti. In più ho rimosso i pianali interni tra le ordinate e rifilato i longheroni superiori presenti tra le ordinate. Ritengo sia molto utile per sistemare la zavorra quanto più in basso possibile
    Penso che di zavorra ce ne vorrá parecchia. Quando provai a mettere lo scafo nella vasca (dopo il trattamento con la resina) ho notato che, anche con i motori installati, galleggiava troppo.......
    avatar
    alimurimeta
    Tenente di vascello
    Tenente di vascello

    Maschile Vergine Dragone
    Numero di messaggi : 192
    Data d'iscrizione : 30.01.15
    Età : 40
    Località : salerno
    Umore : a dente di sega

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da alimurimeta il Gio 07 Apr 2016, 09:37

    Salve a tutti, ringrazio per il sauto di ben venuto.
    @ Costanzo: ho seguito e letto con attenzione la tua storia di costruzione dell'A.D. Ho capito che hai predisposto il modello per il R.C., ma che non hai intenzione di usarlo. Peccato. Sono convinto anche  io che di zavorra ne occorrerà un bel pò, e per questo ho deciso di rimuovere i pianali.

    Ho dovuto rimaneggiare il pezzo in legno stampato del ponte superiore. Il pezzo è stato già tagliato dal mio amico, in modo non prorpio preciso e non segue il profilo della tuga, scostandosi dalla tuga ina diversi punti di più di 2 mm. Pertanto ho rifilato il contorno interno del pezzo e ho incollato di taglio un ulteriore bordo, realizzato con gli scarti del taglio degli altri fogli in legno per i ponti. Il sistema è laborioso però ha funzionato. Ora il ponte listellato segue abbastanza bene il profilo della tuga.

    Ritornando allo scafo, ho rimosso (con gran dolore al pensiero del lavorone già fatto dal mio amico) quasi tutte le boccole che fungono da oblò e relativi portelli, e carteggiato tutto lo scafo per far rinvenire il legno dei listelli. Ho intenzione di stuccare tutti i fori con stucco epossidico e non rifare i fori, ma simulare gli oblò con delle strisce di vinile autoadesivo forate. Dovrò resinare lo scafo esternamente con tessuto di vetro da 49 gr/mq e resina epossidica. Devo assicurare che lo scafo sia stagno per farlo navigare, quindi meglio non avere buchi sulle fiancate.

    Ecco alcune foto del lavoro svolto, e lo stato attuale dello scafo











    Saluti e alla prossima
    avatar
    ccf
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Pesci Cavallo
    Numero di messaggi : 612
    Data d'iscrizione : 07.02.13
    Età : 75
    Località : FERMO

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da ccf il Gio 07 Apr 2016, 12:45

    Ciao Francesco,

    Lavoro preciso.
    Io i pianali inferiori non li ho rimossi completamente, ma ho praticato delle aperture circolari per inserire la zavorra, che penso di realizzare con pallini di piombo e resina.
    Realizzeró una vaschetta (penso in plexiglass) di dimensioni poco piú grandi dello scafo (in modo che lo stesso possa rimanere quasi dritto appoggiandosi ai fianchi) e mettere pallini di piombo sino a quando non resti dritto senza appoggio. A quel punto aggiungerei la resina per fissarli.

    Gli obló (per non far entrare acqua) penso di chiuderli con qualche materiale trasparente (mi sembra che si trovino delle boccette di resina per simulare i vetri) in modo che passi la luce dell'illuminazione interna.

    Per il tessuto di vetro é praticamente identico a quello utilizzato da me (50 gr/mq).

    Buon proseguimento lavori.
    avatar
    alimurimeta
    Tenente di vascello
    Tenente di vascello

    Maschile Vergine Dragone
    Numero di messaggi : 192
    Data d'iscrizione : 30.01.15
    Età : 40
    Località : salerno
    Umore : a dente di sega

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da alimurimeta il Gio 07 Apr 2016, 13:22

    Ciao Costanzo, grazie per le info. Ho pensato anch'io alla soluzione dei pallini di piompo resinati. Il problema è che ho bisogno di una zavorra rimovibile per due motivi: Il primo è di alleggerire lo scafo in fase di trasporto. Il secondo motivo è quello di poter modificare la tipologia di batterie ed elettronica (motori, regolatori eventuale batterie per impianto luci), senza compromettere la stabilità. Pertanto userò delle "saponette" in piombo per la pesca sportiva. Verranno posizionate sul fondo dello scafo e incastrate per bene tra loro.

    La cosa che devo valutare per bene è la stabilità del modello. Se il baricentro sale troppo per effetto del peso della sovrastruttura( che pesa un bel pò visto l'uso massiccio di mdf e fotoincisioni), allora sarà dura fare navigare il Doria anche con un pò di vento e quanche increspatura sull'acqua. Ho fatto esperienza con altri modelli e assisitito purtroppo a qualche "scuffiata" assolutamente non prevista.

    Circa gli oblò, si può valutare la soluzione della resina trasparente, ma è un lavoraccio che rischia di sporcare il modello. Io non ho il problema dell'illuminazione delle cabine con oblò quindi li lascio "ciechi"

    Saluti ALIMURIMETA
    avatar
    alimurimeta
    Tenente di vascello
    Tenente di vascello

    Maschile Vergine Dragone
    Numero di messaggi : 192
    Data d'iscrizione : 30.01.15
    Età : 40
    Località : salerno
    Umore : a dente di sega

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da alimurimeta il Ven 08 Apr 2016, 10:06

    Salve a tutti.
    Allora...... ecco alcune foto dei lavoretti fatti sull'Andreina.

    Ho ritenuto opportuno verificare la posizione dei ponti listellati rispetto agli incastri con le strutture delle tughe. Purtroppo per i ponti che sono stati precedentemente rifilati dal mio amico, la posizione non è precisissima, ma ho risolto comunque. Per i ponti ancora da rifilare, mi sono applicato con calma e pazienza , usando un tagliabalsa per rimuovere il grosso, poi limette e tamponi abrasivi per rifilate i bordi alle linee di taglio effettive.









    Ho smontato il parapetto del ponte vestiboli a poppa. Si componte di più pezzi sovrapposti incollati con la ciano. L''ho scollato, ripulito con acetone e saldato a stagno. In questo modo il parapetto è molto più solido e preciso nella sagoma con il bordo del ponte vestiboli.





    Dulcis in fundo, ecco come si presenta la sovrastruttura estraibile dallo scafo. Si solleva tuttto dal ponte passeggiata e la parte poppiera del ponte superiore. In paratica si separa il modello in due parti  Wink



    Saluti
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Laerte il Ven 08 Apr 2016, 11:37

    Lavoro spettacolare, complimenti per le soluzioni!
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.


    semar39
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Scorpione Gatto
    Numero di messaggi : 444
    Data d'iscrizione : 01.02.13
    Età : 77
    Località : Torino

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da semar39 il Ven 08 Apr 2016, 19:51


    Perche tutte queste modifiche?
    Grazie.
    avatar
    alimurimeta
    Tenente di vascello
    Tenente di vascello

    Maschile Vergine Dragone
    Numero di messaggi : 192
    Data d'iscrizione : 30.01.15
    Età : 40
    Località : salerno
    Umore : a dente di sega

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da alimurimeta il Lun 11 Apr 2016, 10:38

    semar39 ha scritto:
    Perche tutte queste modifiche?
    Grazie.

    Ciao Marino, ho seguito con attenzione tutti i post precendenti de tuo cantiere e mi piace molto.
    La risposta alla tua domanda è : il modello sarà navigante. Per questo motivo ho "alleggerito" parecchio lo scafo con la rimozione dei pianali di fondo e con la estrazione di tutti i bagli e relativi longheroni. In questo modo posso gestire più facilmente l'istallazione e la manutenzione dei dispositivi elettronici che servo per il radio controllo del modello, e posizionare quanto più in basso possibile la zavorra e le batterie.
    Vi mostro alcune foto degli ultimi lavoretti effettuati. Ho deciso di poter rimuovere anche le tughe del ponte lido e belvedere, per poterli verniciare a parte (non un pezzettino alla volta ma tutto in blocco)











    Saluti e alla prossima, ALIMURIMETA


    Ultima modifica di alimurimeta il Lun 11 Apr 2016, 12:09, modificato 1 volta

    semar39
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Scorpione Gatto
    Numero di messaggi : 444
    Data d'iscrizione : 01.02.13
    Età : 77
    Località : Torino

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da semar39 il Lun 11 Apr 2016, 11:29

    Chiaro.- Grazie!

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Cantiere Andrea Doria - 2° parte

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar 27 Giu 2017, 04:01