Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri membri hanno inviato un totale di 96400 messaggi in 3137 argomenti

Abbiamo 6275 membri registrati

L'ultimo utente registrato è Francescoff2002


    Wasa's sharing projet

    Condividi
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mar 10 Apr 2018, 08:25

    Quattordicesimo step

    La prua


    Nessuna misura questa volta … solo immagini che illustrano la costruzione del ponte di prua … viziata da una maggiore lunghezza, 7 - 8 mmm. (piano DeA) rispetto all’ originale.

    Le due formazioni laterali sono solo posizionate e mancano i gradini laterali perché poggiano sullo sperone.












    Buon Vento
    Giorgio45

    luca72pi
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Scorpione Ratto
    Numero di messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 23.04.17
    Età : 45
    Località : Modena

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da luca72pi il Mer 11 Apr 2018, 14:18

    Giorgio stai facendo veramente un lavoro strepitoso!!Anche a me non convinceva molto quello che la DeA proponeva, infatti mi stavo documentando per fare modifiche.Quindi stò seguendo il tuo lavoro per vedere se riesco a copiare anche io Wink
    Intanto sto finendo il primo fasciame, quindi tempo ne hò ancora prima di fare il ponte di prua.
    Complimenti ancora Giorgio

    Luca
    avatar
    JACK SPARROW 53
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschio Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 432
    Data d'iscrizione : 17.06.17
    Età : 65

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da JACK SPARROW 53 il Mer 11 Apr 2018, 16:46

    Ciao Giorgio amico mio
    lavoro di pregevole fattura , come sempre del resto . Solo una cosa non mi convince però : sul castello di prua , quelle due porticine , sembrano aprirsi .... praticamente in... mare ... non sembrerebbe proprio un rapporto reale tra lo spazio e quello che occuperebbe , anche se in scala, un marinaio...che apre e che esce sul castello .... E' vero , non è che ci deve essere un .. prato con sdraio .. però mi stona un poco la distanza con il bordo della prua . Sarà poi una mia impressione sbagliata. prendila così amico mio.. e basta.
    Buon vento
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mer 11 Apr 2018, 18:25

    Ciao Franco,
    hai ragione, le porticine aprono nel vuoto … ma manca ancora da realizzare tutto lo sperone che si colloca davanti alla prua.
    Ti accludo una foto del Wasa originale.



    Grazie Luca72,
    felice di esserti utile … se hai domande particolari o dubbi chiedi pure, spero di essere in grado di risponderti.

    Buon Vento
    Giorgio45

    luca72pi
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Scorpione Ratto
    Numero di messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 23.04.17
    Età : 45
    Località : Modena

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da luca72pi il Mer 11 Apr 2018, 20:29

    Franco, Giorgio ha ragione, le porticine aprono nel vuoto.Allego una foto che hò trovato in rete per fare anche io le modifiche Wink
    Però una cosa non capisco:ma i cardini per le porte?Non ne trovo traccia nella nave vera, solo nei modelli.Non saranno sparite nel tempo rimasto in acqua?
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Gio 12 Apr 2018, 08:20

    Cardini non se ne vedono neanche ingrandendo molto la tua foto … né in altre del Wasa originale

    Si può lavorare solo d’ immaginazione:
    1 la permanenza in mare li hanno distrutti ma dovrebbe esserne rimasta la traccia … del resto sono ancora ben visibili i chiodi del fasciame e la porticina superstite sembra quella originale (il legno delle ricostruzioni ha un colore molto diverso)
    2 potrebbero essere incernierati con perni in alto e in basso … frequente soluzione marinara
    3 potrebbero esserci cerniere nella parte interna della porta … ma a giudicare dalla battuta si dovevano aprire verso l’
    esterno
    4 vengono messi nei modellini … più per scelta scenica
    5 nel modello di Luigi Volante e in quello del museo ci sono … ma a veder bene nel primo trovo una soglia e un leggero arretramento della porta nel secondo un evidente arretramento delle porte rispetto agli stipiti (sull’ originale si nota invece l’ assenza di soglie, un battente che fa pensare ad una porta a filo degli stipiti e l' altra porta è a filo)

    personalmente ho optato per non metterli … anche per la maniglia ho forti dubbi … si sarebbe dovuta azionare stando in precario equilibrio … più facile salire dalle scalette che sono numerose e praticamente ovunque

    Buon Vento
    Giorgio45
    avatar
    JACK SPARROW 53
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschio Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 432
    Data d'iscrizione : 17.06.17
    Età : 65

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da JACK SPARROW 53 il Gio 12 Apr 2018, 09:14

    Ciao ragazzi
    Grazie per la risposta ovviamente così è più logico
    Buon vento

    cervotto
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 653
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 80

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da cervotto il Gio 12 Apr 2018, 09:48

    Se qualcosa vi sembra strana nella Wasa ricordate sempre che il progetto di Henrick Hybertsson era diverso e la nave fu terminata rapidamente sotto le minacce del re, che la voleva "SUBITO" per fare guerra alla Danimarca.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Gio 12 Apr 2018, 11:43

    Grazie Umberto,
    il Wasa e La Couronne, le metto idealmente insieme, hanno molto di diverso rispetto a quelle che saranno le “codifiche inglesi”.

    Una, al varo è naufragata e l’ altra, a parte tutte le inglesizzazioni sui disegni di Lusci, non ha certo brillato in imprese militari probabilmente per la sua scarsa manovrabilità e capacità di tenere il mare.

    Il modellino del Wasa ha il grosso vantaggio di basarsi su una nave originale ancora esistente che aiuta con le foto a realizzare una accettabile riproduzione e dare qualche dritta, sia pur nell’ incertezza, per un approccio diverso al piano velico anche della Couronne.

    Intanto almeno i bagni per la truppa sono meglio definiti nella forma e per la posizione; molto simili a quelli della Victory, spunto per integrare quelli a “bagno turco” che avevo aggiunto a La Couronne.

    Buon Vento
    Giurgio45
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mar 24 Apr 2018, 08:49

    Un passo indietro ...

    Tredicesimo step (sesta parte)

    Il fasciame al di sopra del ponte di coperta (murata vista dall’ esterno)


    Spessore, altezza e andamento del fasciame in pero al di sopra del ponte di coperta, con struttura a “panino” (dall’ esterno all’ interno: pero mm. 0,5 - tiglio mm. 1,5 - pero mm. 0,5) ossia due rivestimenti, uno esterno e l’altro interno incollati sul primo fasciame  … con basamento, rinforzi, ordinate e corrimani in jatobà.

    Inizio dall’ incintone di mm 4 di altezza, sempre con innesti a palella, dove sono praticati degli scassi (riempiti provvisoriamente con listelli in tiglio per mantenere le distanze)per il successivo alloggiamento delle parasartie.



    Continuo con il tavolato esterno di mm. 4 di altezza fino alla base del corrimano in jatobà da mm. 1,5 + 1,5 (freccia verde) non sovrapposto al pero di mm. 0,5 (freccia blu).

    Proseguo con il tavolato in pero del falso cassero di mm. 4 + 3 in altezza (freccia blu) fino al livello del primo corrimano alto (ancora mancante).

    Continuo la murata esterna verso poppa non determinando con precisione, per ora, le relative altezze e lunghezze.





    Il completamento dei corrimano con le relative altezze e lunghezze, per la loro complessità e particolarità costruttiva, è rinviato  alla realizzazione della murata vista dall’ interno.

    Da fare al completamento dei corrimano i necessari ritocchi di carteggiatura e soprattutto la mano di turapori che scurirà i listelli in pero.

    Buon Vento
    Giorgio45
    avatar
    JACK SPARROW 53
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschio Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 432
    Data d'iscrizione : 17.06.17
    Età : 65

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da JACK SPARROW 53 il Mar 24 Apr 2018, 09:02

    Ciao Giorgio
    bellissimo lavoro come sempre , preciso: poi le varie qualità del legno che usi , decisamente superiori alla norma ... danno inevitabilmente un aspetto di solidità e di bellezza dello scafo e dei particolari , veramente belli e che si diversificano molto , e si vede.. , dai legni usati per le comuni scatole da montaggio . Almeno questa è la mia impressione ...ancora complimenti vivissimi ...
    Buon vento
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mer 25 Apr 2018, 08:02

    Grazie Franco,
    sto provando ad uscire dai soliti rifacimenti di navi in kit …

    per il legno invece è il risultato di alcune ristrutturazioni edilizie … le industrie tagliano tanti tipi di legno pieno stagionato e … un amico rivenditore di parquet può fare la differenza … resta poi solo il problema di tagliarli in listelli, ma essendo pezzi corti è più facile.

    Buon Vento
    Giorgio45
    avatar
    IGianni Giordano
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschio Toro Ratto
    Numero di messaggi : 2283
    Data d'iscrizione : 11.02.12
    Età : 82
    Località : Genova
    Umore : allegro

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da IGianni Giordano il Mer 25 Apr 2018, 10:19

    In questo periodo su questo sito ci sono un paio di modelli in fase di realizzazione degni di grande ammirazione. Questo poi, per me, è fantastico.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Gio 26 Apr 2018, 08:20

    Grazie Gianni per la visita e … per il tuo giudizio.
    Spero di continuare a migliorarmi.

    Buon Vento
    Giorgio45

    luca72pi
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Scorpione Ratto
    Numero di messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 23.04.17
    Età : 45
    Località : Modena

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da luca72pi il Dom 29 Apr 2018, 18:21

    buona sera a tutti quanti
    finalmente ho finito il primo fasciame!!

    con alcune imperfezioni ma tutto sommato mi ritengo soddisfatto. Stò chiudendo le fessure con pezzi di legno che ho piallato con il cutter,quando rastremavo i listelli.
    Per questa costruzione ho deciso di piegare tutti i listelli a mano, senza uso di immersione e di stuccare lo scafo solamente incollando truccioli nelle fessure. Ho deciso questo, perchè il modello che ho realizzato precedentemente si è fessurato e lo stucco è crepato creando delle piccole fessure...... speriamo che questo scafo tenga bene e nel tempo non si fessuri Wink
    Ora stò prendendo le misure per fare il ponte di prua,infatti sto copiando lo stupendo lavoro di Giorgio Wink
    Unica differenza,io il fasciame non l'ho alzato come avete fatto voi, mi sono fermato più basso perchè:
    1) lo vorrei continuare in rovere;
    2) lo vorrei continuare dopo aver fatto il primo ponte;
    3) lo vorrei fare come nella foto dell'originale.

    Ho perso quasi un mese per rifare tutte le altezze dei listelli(all'inizio di questa avventura voi me lo avevate sconsigliato!!!) ma soddisfatto del mio lavoro sulla carta, ora proverò a metterlo anche su legno.
    Ho già fatto qualche esperimento sulla lavorazione del rovere,devo provare a fare la falsa chiodatura....insomma mi attende un sacco di lavoro!!
    Vorrei sentire anche i vostri pareri, siete voi i miei maestri

    Luca
    avatar
    IGianni Giordano
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschio Toro Ratto
    Numero di messaggi : 2283
    Data d'iscrizione : 11.02.12
    Età : 82
    Località : Genova
    Umore : allegro

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da IGianni Giordano il Dom 29 Apr 2018, 19:22

    Tutti gli scafi si fessurano col tempo a meno che non si trattino adeguatamente.
    Ho trovato che un sistema abbastanza valido è quello di rivestirli internamente con tessuto di di vetroresina facendolo ben aderire con della buona vetroresina spalmata per bene.
    L'esterno, se lo scafo deve essere dipinto, conviene trattarlo prima con una bella passata di stucco bicomponente senza fare il secondo fasciame. Se invece lo si lascia col legno a vista,fare lo stesso procedimento e poi applicare il secondo fasciame. Ho alcuni modelli che hanno quasi trenta anni e non si verde nemmeno una crepolina. Oltretutto mettendo la vetroresina, si evitano possibili danni fatti dalle tarme.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Dom 29 Apr 2018, 20:18

    Altro sistema per evitare crepe è quello di fasciare l’interno con garze a maglia larga incollate con vinavil sulle pareti ma … nel Wasa della DeA per la tecnica costruttiva usata non si può fare se non in parte.

    Non rimane che incollare il primo fasciame anche sulle coste dei listelli esercitando molta pressione con morsetti e poi posizionare il listello del secondo fasciame, spalmato generosamente con la colla su tutta la sua parte larga, prendendo a ponte i due listelli sottostanti.

    Il rovere è un’ ottima scelta (il Wasa è tutto di rovere) presenta solo molte venature e una grana non fine … ma cosa significa per te fare prove per la falsa chiodatura?

    Fare le fiancate con quell ’andamento da “V” esterno, a prua, e rientranti verso poppa non è semplice, soprattutto se si sacrificano tutti gli scalmi di tenuta della murata che non rispettano l’originale e sono anche fuori scala … è il problema che sto affrontando proprio in questi giorni.

    Buon Vento e mi fa molto piacere, Luca, di esserti d’aiuto.

    Giorgio45

    luca72pi
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Scorpione Ratto
    Numero di messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 23.04.17
    Età : 45
    Località : Modena

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da luca72pi il Dom 29 Apr 2018, 21:51

    Intanto grazie per le risposte
    Gianni
    ecco perché ho visto in rete un modello rivestito di resina, poi ricoperto con il secondo fasciame!!Ma è una cosa che non mi piace particolarmente:perde quella poesia che il "tutto legno" mi trasmette.

    Giorgio
    per me fare le prove per la falsa chiodatura, consiste nel trovare un metodo per imitare la chiodatura in scala, senza far capire che non sono chiodi veri. Non possiedo chiodi cosi piccoli e se proprio te la devo dire tutta,ho visto che nel modello di 4 metri presente nel museo Wasa, ci sono chiodi di 2 misure, più i pioli di legno. Devo ancora provare....ma stavo pensando....... se prendo della vernice da modellismo di colore nero, appena aperta non la mescolo e vuoto via la parte liquida della vernice lasciando solo quella densa,oggiungo appena di grigio metallizzato, mescolo per bene i con un ago provo a fare dei puntini simulando la chiodatura, forse dovrebbe andare.Con una mina per matite di color marrone, volevo provare a disegnale i perni in legno.
    Per quanto riguarda gli scalmi da togliere, pensavo di mettere prima quelli in rovere poi togliere quelli di compensato, così le murate dovrebbero mantenere la forma originale.Il problema maggiore per me, sarà dargli la giusta forma seghettata.I listelli sovrapposti si vedono all'esterno ma anche all'interno.

    Luca
    avatar
    IGianni Giordano
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschio Toro Ratto
    Numero di messaggi : 2283
    Data d'iscrizione : 11.02.12
    Età : 82
    Località : Genova
    Umore : allegro

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da IGianni Giordano il Dom 29 Apr 2018, 23:27

    Il sistema che usavo un tempo quando facevo modelli di barche del tempo che fu per imitare la chiodatura, consisteva nel fare dei forellini con una punta da 0,4. L'importante era no fare il foro molto profondo. Nel forellino si inseriva una setola di scopa nera con un niente di vinavil. Quando era ben seccato, con una lama ben affilata, si tagliava la parte sporgente. Una volta presa la mano, si facevano molti foro e si mettevano a dimora molte setole in pochi minuti.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Dom 29 Apr 2018, 23:47

    Certo Luca,
    i chiodi ci sono ma ne usavano di molte misure e grandezze diverse … va fatta una scelta modellistica a monte sapendo di non poter mai raggiungere la perfezione … per gli incintoni usavano diverse grandezze di chiodi come per il fasciame, il ponte, i portelli, le ritenute passanti per i cannoni ecc.

    Le tue prove seguono strade innovative che meritano di essere tentate … sono curioso di vederne i risultati.

    Normalmente ci si accontenta di 4 o 5 grandezze diverse.

    Per le murate interne è opportuno studiarsi i piani del museo … sono complesse e non ben comprensibili dalle sole foto ma molto si vede dal modellino del Wasa di Luigi Volante … un lavoro veramente eccezionale.

    Buon Vento
    Giorgio45
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Gio 03 Mag 2018, 14:41

    Tredicesimo step (continua sesta parte : A)
    Il fasciame al di sopra del ponte di coperta (la fiancata vista dall’ interno)


    La fiancata interna con le sue strutture (capodibanda, corrimani bassi e alti con ringhiere) ha richiesto un notevole impegno sia per l’interpretazione dei piani museali (altezza, dimensioni, forma del capodibanda e dei corrimani in cui manca il piano dettagliato del ponte di coperta) che per la sua realizzazione dove ho tagliato tutti gli scalmi di supporto delle murateda pazzi… anche se poi il tutto verrà stabilizzato dall’ imponente ringhiera di prua.

    Tolti i primi scalmi per posizionare il fasciame interno in pero da mm. 0,5 … la fiancata tiene e la sua forma rimane immutata … (sicuramente ho ben incollato i listelli di costola esercitando una sufficiente pressione)





    Basandomi su foto e piani incompleti non posso escludere  a priori degli errori interpretativi ma questo non mi scoraggia sapendo che mi accingo a realizzare, partendo da un kit, qualcosa di diverso e comunque più simile all’ originale …

    Illustrerò la sua complessità e particolarità costruttiva con una serie di foto particolareggiate, durante la realizzazione passo passo, in cui si possono individuare gli inserimenti,le varie modalità d’incastro e i tutori usati.

    I disegni della murata di prua visti dall’ interno … “pasticciati” con le relative misure … sono in parte vedibili ... anche se sfocati, sullo sfondo di alcune foto.

    Dopo aver terminato, nella parte in lavorazione, il ponte di coperta realizzo la “base” con le tacche  di mm. 0,7 di spessore, variabili in larghezza e distanza tra loro per il preciso inserimento degli scalmotti del “falso castello” dallo spessore di mm. 2  … il tutto è a incastro per assicurare stabilità, resistenza e forma.

    Queste misure asimmetriche sono dovute probabilmente al fatto che improvvisamente il re ordinò, ad opera avanzata, la realizzazione di un ulteriore ponte per aumentare il numero di cannoni.








    Superfluo dire che le ricostruzioni delle case modellistiche semplificano enormemente questa parte e … l’ uso del jatobà per le sue caratteristiche è stato prezioso.

    Anche le infrastrutture: come cavigliere, scalette, gru di capone e altro saranno realizzate in jatobà … mi ripeto … legno duro e rigido, poco flessibile, di lavorazione sicuramente non semplice dovendo metterlo in forma anche per curvature minime … ma molto, molto resistente.

    Questo legno è reperibile, in quanto usato per parquet, anche in spessori elevati (mm. 14).

    Buon Vento
    Giorgio45
    avatar
    JACK SPARROW 53
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschio Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 432
    Data d'iscrizione : 17.06.17
    Età : 65

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da JACK SPARROW 53 il Ven 04 Mag 2018, 09:55

    Ciao Giorgio 45
    sempre alle prese con i tuoi strumenti super precisi al millimetro , ma che dico , al decimo di millimetro ..!! Scherzo dai , però complimenti vivissimi .. sai che penso , che se tu fossi stato, all'epoca della costruzione del WASA , come capo ingegnere della progettazione , il WASA non sarebbe ... affondato ...

    Ti seguo con ammirazione e simpatia
    Buon vento
    avatar
    bruno 45
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Maschio Scorpione Gallo
    Numero di messaggi : 53
    Data d'iscrizione : 06.11.11
    Età : 72
    Località : Buttrio Udine F.V.G.

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da bruno 45 il Lun 14 Mag 2018, 22:18

    Buona serata,in questo periodo sono ancora in fase di listelazione quindi non invio foto.Come solito seguo il nostro Giorgio 45 grande modificatore!!!!!! Oggi nel aprire l'ultimo fascicolo ti trovi un pezetto di compensato da 2mm con disegnate le bigotte una cosa veramente ridicola!!!!! Ancora un saluto a presto con novita.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 681
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Gio 17 Mag 2018, 00:04

    Ciao Bruno,
    più che “modifiche” è il tentativo di rendere il modello più simile all’originale, visto che abbiamo la grande fortuna di poterlo ammirare, e questo, considerata la “non fedele riproduzione della DeA”, comporta alcuni interventi pesanti … che sono, per me, molto stimolanti.
     
    Tredicesimo step (continua sesta parte : B)


    Costruzione e messa in opera degli scalmotti


    Avanzando per settori ho livellato a filo il “falso castello” del “sotto-capodibanda” mantenendo l’ accennata curvatura a lente concava.
     
    Per essere più chiaro ripropongo la nomenclatura usata avvalendomi di questa foto dell’ originale

    Circolo verde = cannoniera rotonda
    Quadrato verde = passaggio per la gru del pescatore
    Linee bianche = scalmotti
    Linee arancioni = ringhiera
    Linee gialle = capodibanda (in basso) e corrimano basso (quello intermedio)
    Linea celeste = corrimano


     
    Il  capodibanda è largo mm. 1 + 0,5 + 1,5 + 0,5 in totale mm. 3,5 con una altezza di mm. 2 all’ esterno e mm.0,6 all’interno della fiancata.

    Termina a filo della fiancata interna(ossia è una sezione a L) e ha richiesto alcuni tentativi prima di essere realizzato con la fresatrice sempre aiutato da un tutore-guida auto costruito.



     


     
     Posizionati alcuni scalmotti di varie dimensioni del “falso castello” e ancora scalmotti, in parte da separare, sparsi sul ponte dove è visibile l’ incastro verso la base mentre la loro altezza, a livello del “corrimano basso”, è ancora da portare a livello.





     scalmotti fresati in striscia su tutore ancora da tagliare



    Buon Vento
    Giorgio45
    avatar
    JACK SPARROW 53
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschio Pesci Serpente
    Numero di messaggi : 432
    Data d'iscrizione : 17.06.17
    Età : 65

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da JACK SPARROW 53 il Gio 17 Mag 2018, 08:46

    Ciao Giorgio45
    Complimenti vivissimi.. fai quasi venire il mal di testa a seguire tutte quelle linee colorate ...
    Precisione millimetrica!
    Buon vento

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Ven 19 Ott 2018, 19:11