Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri membri hanno inviato un totale di 92167 messaggi in 2931 argomenti

Abbiamo 5972 membri registrati

L'ultimo utente registrato è Giorgio Allegri


    Wasa's sharing projet

    Condividere
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Laerte il Mer 26 Apr 2017, 17:57

    Sempre encomiabile precisione! Seguendo le informazioni di Giorgio i modelli realizzati saranno fantastici e certamente i più vicini alla realtà.
    Complimenti per la ricerca storica e per la chiarezza dell'esposizione.
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.


    luca72pi
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Scorpione Ratto
    Numero di messaggi : 4
    Data d'iscrizione : 23.04.17
    Età : 44

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da luca72pi il Mar 09 Mag 2017, 06:47

    Buona sera a tutti.Leggendo tutti i vostri post e consigli,mi avete stimolato a cercare notizie sul nostro bellissimo vasa.Poi l'idea del "kit avanzato" mi piace veramente tanto!!Premetto, non infuriatevi se non uso i termini appropriati,ma sono quì anche per imparare tutte queste cose.
    Ho scovato una bellissima immagine del fianco,da dove si vede benissimo che i sabordi(portelli dei cannoni ?!?! ) non hanno tutti la stessa dimensione.Nella fila superiore sono di dimensione minore.Ma ho notato un'altra cosa che reputo importante per me e per la mia visione di "kit avanzato". Il fasciame non ha la stessa larghezza.Quello che hanno usato per ricavare i portelli cannoni superiori, è piu stretto.
    Ora passo a voi la palla Wink

    Luca
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mar 09 Mag 2017, 14:20

    Ciao Luca,
    grazie per la visita e la condivisione dell’ idea del “kit avanzato” …
    giusta la tua osservazione, anche se bisogna pensare alle possibilità realizzative … si parte sempre da un kit con le “sue” misure e cambiarle porterebbe alla realizzazione di un piano diverso.
    “Avanzato” lo intendo come migliorato nei particolari, per esempio argano e paiolati, ma le dimensioni restano molto simili; può variare la forma ed il metodo costruttivo però restano fissati sul ponte del “kit base”, realizzato magari con una listellatura sfalsata in modo diverso … ma ora sto anticipando i tempi di quelli che saranno i miei prossimi “step”.
    Ovviamente nella realizzazione di un “kit avanzato” si è liberi di apportare qualsiasi modifica … la nave è tua e tua rimane l’intera gestione, come dicono molti affermati modellisti … mentre la “condivisione” dei propri pensieri è la forza del forum.
    Sono momentaneamente bloccato in attesa del legno di pero … non ho l’attrezzatura per realizzare i listelli da un bel tronco …
    Buon Vento
    Giorgio45
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Laerte il Mar 09 Mag 2017, 17:01

    Condivido pienamente la tua teoria, Giorgio, ed è anche la mia da moltissimi anni. Non ne posso più di vedere argani, ancore, pagliolati, lanterne e quant'altro "fuori taglia", solo perchè proditoriamente infilati in scatole di montaggio approssimative. Ben venga la gestione della scala (comprensibile l'1/70 su una scala di 1/75 e viceversa, anche se non propriamente "la sua"), ma dico a tutti i modellisti alle prime armi di fare una seria valutazione degli accessori prima di installarli su un ponte ben eseguito, questo io chiamo costruire un "Kit avanzato"!
    ... e non fatemi più vedere timoni a ruota su velieri del XVI e XVII secolo, per favore!
    Buon Vento anche a te, Giorgio,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mer 31 Mag 2017, 16:30

    Ottavo step

    Per la scelta del legno per il secondo fasciame, considerando la mia possibilità di approvvigionamento sul mercato ho optato:

    per la coperta tiglio (seguendo l’indicazione di Umberto)
    per lo scafo non verniciato pero (in quanto… ha un bel colore, vicino a quello della quercia e è molto usato nel modellismo)
    per le zone dello scafo  verniciato tiglio (per la facilità nel trovarlo di varie misure e abbattere i costi, sfruttando anche quello fornito dalla DeA)
    Per molti accessori ( carabottini, boccaporti, argano, quartieri ecc.) userò il Jatobà , conosciuto anche come ciliegio brasiliano,  un legno molto duro, resistente e rigido (non flessibile e di non facile lavorazione perché con le normali lame da modellismo non si riesce a tagliare) ma di colore caldo che stacca con il colore del tiglio (ne ho alcune tavolette di parquet spesse mm. 14 che prima d’ora ho usato per lavorazioni “mirate” come le teste di moro).

    Si riprende dallo specchio di poppa … dove noto … una grave dimenticanza dalla DeA, l’assenza dello scasso per la barra del timone.
    Un’ idea sulle sue piccole dimensioni e sulla posizione la possiamo “rubare” da questa foto dell’ originale che ho cerchiato in giallo.



    Eseguito lo scasso e accorciato il diritto di poppa della DeA.




    Dipinti di rosso i sabordi nella zona interna… si inizia la listellatura con i due pezzi da mm. 1 x 5 arcuati di pero, posti in alto e si continua con la listellatura dello specchio di poppa a spina di pesce sempre in pero … ampliamente incompleta, eccedente  e appena appena levigata …  ma sufficiente per valutarne l’ effetto.



    Per ovviare al diversissimo colore del compensato del diritto di poppa  che rimane visibile, nell’ “opera morta” dello scafo, che non è verniciato, sarà eseguita una ulteriore sottilissima copertura con del pero sezionando un listello di mm. 2 di spessore per mm. 5 … il taglio con la lama di precisione larga mm. 1,6   mi ha permesso di ottenere questo assottigliamento da entrambi i lati del listello ma anche il taglio dei listelli con i normali taglienti è veramente semplice e preciso.

    Con il legno di pero, che inizio a conoscere non avendolo mai usato, posso azzardare tagli di spessore prima impensabili e ho notato che, se messo in forma, bagnato, quando si asciuga, mantiene la curvatura molto bene senza la necessità di prevedere delle preventive ipercorrezioni; purtroppo a volte prende anche delle sinuosità per cui con pezzi lunghi non è mantenuta la linearità del taglio ... quindi meglio ricorrere all’ immersione in acqua con parsimonia e solo quando indispensabile per “forzare” una curvatura.



    Giorgio45
    avatar
    pier antonio ceci
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Gatto
    Numero di messaggi : 311
    Data d'iscrizione : 10.06.15
    Età : 54
    Località : San Marino

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da pier antonio ceci il Mer 31 Mag 2017, 20:07

    Ciao Giorgio 45;

    Ho Appreso dalla tua ultima lettera che i listelli che usi hanno la dimensione di mm. 1per5. Diciamo che siano le dimensioni più standard. Aprendo la mia ultima scatola di montaggio e dando un occhiata ai materiali presenti, ho potuto vedere che, i listelli in dotazione, hanno le dimensioni di mm.2per5 e questi ultimi sono difficili da piegare, soprattutto per dargli la piaga a prua. Io uso il piegalistelli a caldo, mi puoi consigliare un altro metodo?
    Se qualche modellista mi risponde ne sarei grato.

    Buon Navigare a tutti.

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da cervotto il Mer 31 Mag 2017, 20:55

    pier antonio ceci ha scritto:Ciao Giorgio 45;

    Ho Appreso dalla tua ultima lettera che i listelli che usi hanno la dimensione di mm. 1per5. Diciamo che siano le dimensioni più standard. Aprendo la mia ultima scatola di montaggio e dando un occhiata ai materiali presenti, ho potuto vedere che, i listelli in dotazione, hanno le dimensioni di mm.2per5 e questi ultimi sono difficili da piegare, soprattutto per dargli la piaga a prua. Io uso il piegalistelli a caldo, mi puoi consigliare un altro metodo?
    Se qualche  modellista mi risponde ne sarei grato.

    Buon Navigare a tutti.
    Lasciali a bagno parecchio, anche una notte, poi mettili in piega sul bordo di barattoli o vasi da fiori secondo la curva che vuoi dare. Se poi hai legno e arnesi puoi fare un attrezzo come quello della seconda foto, è un poco malandato perché ha più di 40 anni ma funziona benissimo.

    avatar
    pier antonio ceci
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Gatto
    Numero di messaggi : 311
    Data d'iscrizione : 10.06.15
    Età : 54
    Località : San Marino

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da pier antonio ceci il Mer 31 Mag 2017, 21:29

    Ok Cervotto,

    Mi hai dato una bella dritta, proverò come dici tu. Con la prossima barca sono alla familiarizzazione del kit. Prima della fase descritta ce ne sono altre e poi con l'arrivo del caldo chiuderò il mio cantiere.

    Buon navigare a tutti.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mar 06 Giu 2017, 07:46

    Nono step

    Prima di iniziare a listellare il ponte devo occuparmi dei carabottini e dell’ argano che sono nella zona centrale del ponte di coperta ; sono da  “rifare” volendo realizzare un “kit avanzato”.

    Nelle categorie di costruzione modelli collocherei la definizione di “kit avanzato” tra l’ autocostruzione e l’ ammiragliato.
    Del resto moltissimi modellisti migliorano e aggiungono particolari ai kit di base … dopo questa parentesi si continua …

    Argano

    realizzato cercando di copiare l’originale visibile sul ponte.

    Senza disegni prevedere l’ insieme, come ben sanno molti modellisti di questo forum, non sempre è semplice ma comunque molto stimolante.

    Ritoccare quelli proposti dalla DeA è tempo perso  … sono diversissimi.

    La DeA  ne fornisce due … in realtà sul Wasa sono tre, due simili ed uno più grande … ma uno solo è visibile in coperta, un altro, sul secondo ponte potrebbe essere visibile attraverso i carabottini ma con le “maglie” che saranno molto più strette ci credo poco (farò la prova … anche se alla fine … andrà posizionato perché presente nel Kit DeA) e il più grande è sottocoperta, non visibile, verso poppa, sul primo ponte.

    confronto tra l’ originale e quello proposto dalla DeA.





    La durezza e compattezza del jatobà permette un ottimo lavoro al tornio dell’ argano: diametro della parte centrale cilindrica mm. 8,4, altezza area visibile mm. 33,4

    Faccio particolare attenzione nell’ autocostruzione di tutori (che devono risultare semplici e di rapida esecuzione) per rendere più rapido e preciso l’incollaggio e la lavorazione del pezzo stesso.

    Montaggio parziale con l’ aiuto di un tutore che aiuta nel dare, sull’ asse dell’ argano, la giusta distanza ai “rinforzi” sia longitudinali che trasversali … gli “spaziatori inferiori”, che toccano il blocchetto del tutore, sono mantenuti in sede con una micro punta di colla in modo che sia facile poi estrarli una volta esaurito il loro compito.

    I rinforzi trasversali sono volutamente lunghi ed andranno tagliati con tronchesi e rifiniti con una micro levigatrice a nastro in considerazione della “durezza” del legno usato.



    Non so come si realizzano velocemente scassi quadrati di mm. 1,4 su un cilindro … sono solo coppie di tre scassi quadrati sovrapposti e passanti … in realtà i miei sono tondi e … ho tentato di rendere quadrangolari , con infinita pazienza e spendendo molto tempo, usando mini lime, solo i due che risultano senza barre.

    Argano grezzo



    Argano “completo” (oliato e ancora brillante perché non perfettamente asciutto) che sarà posizionato in seguito … anche se il legno con cui è realizzato è durissimo … la prudenza per evitare rotture indesiderate è obbligatoria.



    Il secondo sarà simile al  primo … per gli scassi quadrati … con l’ uso di micro lime si ottengono passabili risultati  ma si impiega molto tempo a causa degli spazi  angusti per lavorare e gli angoli finiscono comunque per rimanere tondeggianti, mentre non è possibile la deformazione del foro a pressione come su legno tenero, inoltre non ho volutamente preso in considerazione la costruzione a “torta multipla” perché sarebbe visibile e l’ originale è in legno intero … conoscete altri metodi ?

    Giorgio45
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Laerte il Mar 06 Giu 2017, 10:41

    Direi che la tua pazienza è stata premiata da un eccellente risultato.
    Gli scassi quadri sono sufficientemente realistici, ma ti consiglierei di procurarti una lima quadra da modellismo (di solito le piccole lime sono vendute in confezioni da 6/8 pezzi, piatte, piatte a punta, tonde, semitonde,triangolari e quadre, a volte anche corredate di raspe), con la quale puoi ripassare i fori tondi, leggermente più piccoli del voluto, fino ad ottenere un preciso scasso quadro... ovviamente con la dovuta pazienza.
    Allo stato attuale, ripeto, vedo il risultato molto buono.
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mar 06 Giu 2017, 19:13

    Grazie Laerte,
    per le tue parole incoraggianti ... però ricordo che sul PC le immagini sono molto più grandi della realtà, per questo mi dilungo dando le misure e … il foro da trattare è inferiore al millimetro e mezzo; normalmente trovo lime modellistiche quadre da millimetri 1,2 e più in punta che rapidamente si ingrandiscono per cui entrano nel foro per meno di un centimetro … poi, tra i legni usati per parquet, lo jatobà ha la scala di durezza superficiale di Janka (dati National Wood Flooring Association, 2003) pari a 910 contro, per esempio, solo i 559 del teak e i 657 del rovere europeo per cui è veramente bello duro, anzi probabilmente è il legno più duro usato per parquet in assoluto. .. ma ha un colore “visone” fantastico e si lascia lavorare bene … ha il solo difetto che si sfalda lungo il senso della fibra per cui quando si lavora bisogna tenerlo presente.

    Buon Vento

    Giorgio45
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mer 14 Giu 2017, 10:03

    Decimo step

    Carabottini :


    seguendo le foto dell’ originale … per quanto è possibile vedere e del modello in scala 1/10 su cui devo fare ammenda per averlo mal considerato … infatti trovando ulteriori foto ravvicinate ho notato che il sabordo del primo ponte a prua è presente … l’errore è scaturito dal fatto che la foto presa in considerazione era stata eseguita da lontano e lasciava vedere solo quelli aperti, mentre quelli chiusi, pur presenti, non si distinguevano dal resto dello scafo ... scusate, ma credetemi, sto facendo un lavoraccio avendo a disposizione un mare di foto in cui è facile confondersi, un buon piano costruttivo da dover interpretare … ma non la possibilità di visionare, per ogni inevitabile dubbio, l’ originale … a volte … arranco ma …  cerco di stringere i denti anche se il tempo d’esecuzione s’ allunga di molto.






    Da notare che erano costituiti da legni incrociati (travetti),  di altezza diversa, larghi a maglie piccole … e non come è in uso proporli dalle case di kit, stretti e con  delle “maglie” enormi fuori scala; la costruzione prevede che gli elementi trasversali presentino, sulla parte superiore, delle gole profonde dalla metà ad un terzo, dove vanno incastrati i travetti longitudinali di stessa altezza, formando un piano di calpestio regolare a livello del ponte di coperta; inoltre nel Wasa non sono alcuni carabottini ed altri boccaporti ma sono gli stessi carabottini, con sponde alte, che a seconda delle necessità venivano temporaneamente chiusi con quartieri piatti … che vanno quindi previsti, realizzati, accatastati e sistemati sul ponte.

    Il loro numero e le divisioni interne vanno ricavate: quelle della DeA, pur non portandoli tutti di eguali dimensioni non sono precise … mi trovo con il blocco principale formato da 10 carabottini (11 per la DeA)forse perché il decimo è formato da 4 carabottini disposti a coppie e la DeA li semplifica ricavandone due (è il boccaporto maggiore da cui venivano introdotti i carichi voluminosi e pesanti)e considera come carabottino anche quello dell’argano; per fortuna la loro larghezza di mm. 36,5 è di circa mm. 3 superiore rispetto ai box che vanno dal ponte di coperta al secondo ponte per cui possono essere allargati di mm. 1,5 per lato (è compensato da mm. 2 che si taglia facilmente) e sarà utilissimo come base d’ appoggio dei singoli carabottini portandoli anche a livello.

    I 2 box della DeA hanno dimensioni in lunghezza maggiori, tanto da permettere ulteriori ritocchii.

    Le successive misure sono prese avendo come punti di riferimento il centro della mastra sul ponte per l’albero di trinchetto e di maestra.

    Centro mastra di trinchetto … inizio carabottini mm. 46

    Lunghezza totale dei solo carabottini mm. 251

    Problema: sui piani del museo di non sempre semplice interpretazione… i carabottini disegnati sul piano di coperta non corrispondono con il piano sagittale mediano (che però ritengo più attendibile) per il numero di travetti trasversali e altri particolari come l’ argano… pur non escludendo una mia incapacità interpretativa.

    Le prime tre "traverse" che separano i carabottini tra di loro sono di mm. 5,5, la quarta, è di mm. 7 a cui ne seguono altre tre da mm. 5, la seguente è da mm. 7 e l’ ultima di mm.3 con una mediana longitudinale sempre da mm. 3 per cui gli ultimi due carabottini sono in realtà quattro paiolati disposti ai 4 lati di una croce.

    A poppa i carabottini sono 5 e partono da una distanza di mm. 33 dal centro della scassa di maestra che presenta un diametro di mm. 15 molto più grande quindi di quello della DeA.

    La lunghezza dei solo carabottini è mm. 105 e la larghezza sempre di mm. 36,5 mentre le quattro traverse sono rispettivamente di mm. 5,5, mm. 5 , mm. 5,5 e mm. 4,5 andando da prua a poppa.

    Ne consegue che le traverse o divisori tra carabottino e carabottino non rimangono sempre dello spessore proposto dalla DeA essendo anche se per pochissimo, come segnalato, di dimensioni diverse.

    Lo spessore del travetto trasversale è di mm. 1,5 con altezza di mm. 2,5 e gole profonde mm. 1,2 mentre il travetto longitudinale è di mm. 1,5di larghezza e alto mm. 1,2.

    Come guida il carabottino di 6 travetti trasversali misura mm. 36,5 in larghezza per mm. 17  in lunghezza.

    I travetti longitudinali sono sempre 9 tranne che per i quattro paiolati disposti a croce, finali, dove sono 4 per ogni lato separati dal travetto longitudinale di mm. 3 su cui sono gli scassi e uno trasversale intero dello stesso spessore.

    Riassumendo i travetti trasversali dei carabottini sono: (si va sempre da prua a poppa)

    Carabottini
    1. chiuso con quartieri - spazio 7 intendendo 7 travetti
    2. travetti 6
    3. Copertura a filo del ponte di coperta per l’ argano - spazio 6 non esiste carabottino
    4. travetti 7
    5. travetti 6
    6. travetti 6
    7. travetti 6
    8. travetti 7
    9. travetti 6
    10. travetti 5 x 2
    11. travetti 5 x 2

    Per i 5 di poppa: (si va sempre da prua a poppa)

    1. chiusi con quartieri - travetti 6
    2. travetti 6
    3. travetti 6
    4. travetti 4
    5. travetti 6

    La costruzione di tutori è indispensabile perché per la larghezza esigua dei travetti, eseguendo prima gli scassi e tagliando poi la tavoletta a spessori così esigui molti “dentini” saltano.

    Il lavoro è più lungo e meno preciso ma il risultato è comunque accettabile.

    tutore



    la prima realizzazione ultimata, ancora grezza,  chiarisce meglio quanto scritto …

    carabottino dal lato di calpestio



    stesso carabottino visto da sotto



    Mancano ancora le sponde da mm. 2 con scassi sui lati da mm. 1,2 per accogliere i quartieri che sono alti al massimo mm. 1 e le ulteriori “sponde anti-acqua” di mm. 2,5 racchiudenti i i carabottini … non è un errore di calcolo perché è considerata la listellatura in tiglio del ponte da mm. 0,5 su cui poggiano.

    C’ è quasi da perdere la testa ma coraggio … il difficile credo che debba ancora arrivare … complesso di poppa, pittura delle statue e molto altro.

    Inizia il caldo … buona estate a tutti i modellisti del forum e alle rispettive famiglie … si riprende a fine settembre.

    Giorgio45
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Laerte il Mer 14 Giu 2017, 10:31

    Stai facendo un lavoro grandioso!
    Una Buona Estate a te e Famiglia,
    Buon Vento,
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    pier antonio ceci
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Gatto
    Numero di messaggi : 311
    Data d'iscrizione : 10.06.15
    Età : 54
    Località : San Marino

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da pier antonio ceci il Gio 15 Giu 2017, 20:17

    Si, anche io auguro un buon estate a tutti i modellisti navali e sue famiglie.

    Buon navigare.
    avatar
    bruno 45
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Maschile Scorpione Gallo
    Numero di messaggi : 34
    Data d'iscrizione : 06.11.11
    Età : 71
    Località : Buttrio Udine F.V.G.

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da bruno 45 il Gio 22 Giu 2017, 16:31

    Eccomi buona giornata prima della chiusura del cantiere per caldo!!!!Volevo farvi vedere la mia listellatura come procede,siamo sul lato sinistro il destro è un poco in dietro ma cerchero di pareggiare non vorrei che il tutto si piegasse dove ci sono piu listelli.Ci risentiremo fra un paio di mesetti,un salutone particolare al nostro "ricercatore di notizie" e coetaneo Giorgio 45.



    avatar
    bruno 45
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Maschile Scorpione Gallo
    Numero di messaggi : 34
    Data d'iscrizione : 06.11.11
    Età : 71
    Località : Buttrio Udine F.V.G.

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da bruno 45 il Gio 22 Giu 2017, 17:05

    Scusatemi vi verra il torcicollo!!!!!!
    avatar
    Walkyrja
    Admin
    Admin

    Femminile Acquario Gallo
    Numero di messaggi : 2679
    Data d'iscrizione : 27.10.12
    Età : 59
    Località : Trieste
    Umore : Terribilimente indaffarata

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Walkyrja il Gio 22 Giu 2017, 17:56

    bruno 45 ha scritto:Scusatemi vi verra il torcicollo!!!!!!



    _________________
         
    avatar
    Walkyrja
    Admin
    Admin

    Femminile Acquario Gallo
    Numero di messaggi : 2679
    Data d'iscrizione : 27.10.12
    Età : 59
    Località : Trieste
    Umore : Terribilimente indaffarata

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Walkyrja il Gio 22 Giu 2017, 18:01

    Il lavoro del fasciame e delle palelle mi piace moltissimo, veramente un gran bel lavoro, l'unica cosa a mio avviso sono le teste dei chiodi troppo grosse da risultare fuori scala, almeno per me, ...forse dipinte di nero darebbero meno all'occhio, non so.


    _________________
         
    avatar
    bruno 45
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Maschile Scorpione Gallo
    Numero di messaggi : 34
    Data d'iscrizione : 06.11.11
    Età : 71
    Località : Buttrio Udine F.V.G.

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da bruno 45 il Gio 22 Giu 2017, 22:06

    Grazie della visita Walkyrja il torcicollo si riferiva alle foto che erano venute rovescie,per i chiodini sono quelli che ho usato nel Soleil solo che l'incintore era di 5 mm questo è 4 mm comunque col tempo perdono lucidita e spero si notino di meno perche questi sono i piu piccoli che si trovano.Ancora un saluto il mare della croazia mi aspetta!!!!!!!
    avatar
    Laerte
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Vergine Scimmia
    Numero di messaggi : 1518
    Data d'iscrizione : 29.09.11
    Età : 60
    Località : TREVISO
    Umore : Ferreo

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Laerte il Ven 23 Giu 2017, 10:09

    Brindo alle tue fortunate vacanze e al risultato del tuo Wasa (unico appunto, rifacendomi a Giulia, consiglierei di usare un pennello a punta finissima, del brunitore e tanta pazienza. Il risultato sarà eccellente)!
    Buone ferie e
    Buon Vento
    Laerte


    _________________
    NAVIS BONA DICITVR NON QVAE PRAETIOSIS COLORIBVS PICTA EST NEC CVI ARGENTEVM AVT AUREVM ROSTRVM EST, NEC CVIVS TVTELA EBORE CAELATA EST,NEC QVAE FISCIS ATQVE OPIBVS REGIS PRESSA EST,SED STABILIS ET FIRMA,ET IVNCTVRIS AQVAM EXCLVDENTIBVS SPISSA,AD FERENDVM INCVRSVM
    MARIS SOLIDA,GVBERNACVLO PARENS,VELOX ET NON SENTIENS VENTVM
    (Seneca - Epistola LXXVI)

    Una buona nave,dicono,non è quella dipinta con colori preziosi,con un rostro d'argento o d'oro,con l'immagine protettrice scolpita in avorio,oppure carica di tesori e di altre regali ricchezze,ma è la nave ben equilibrata e solida,con giunture saldamente connesse che non lasciano penetrare l'acqua,forte ai violenti colpi del mare,docile al timone,veloce e stabile al vento.

    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Giorgio 45 il Ven 23 Giu 2017, 22:29

    Fai del modellismo “diverso”, seguendo le tue idee … ed il risultato è armonico e gradevolissimo … per le dimensioni dei chiodini peccato che non hai pensato a togliere la testa … per la mancata brunitura potresti provare, in alternativa, con un pennarello nero, a punta fine, indelebile … ma ora goditi le vacanze.
    Buon Vento
    Giorgio45

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Wasa's sharing projet

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar 27 Giu 2017, 03:59