Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

» Museo delle Navi Vichinghe di Oslo
Oggi alle 12:02 Da Laerte

» RMS Titanic 1:100
Oggi alle 11:55 Da Laerte

» Bergen, Bryggen e il Museo Anseatico
Oggi alle 08:40 Da prodiere

» Costruiamo la Nave Romana Quinquereme ?
Ieri alle 20:02 Da Giorgio 45

» Costruzione fregata Unicorn
Ieri alle 12:01 Da Giulio Meo Colombo

» BRIGANTINO NAVE ITALIA
Mar 22 Ago 2017, 22:49 Da IGianni Giordano

» HMS Bounty Del Prado
Lun 21 Ago 2017, 14:11 Da Giansalis

» USS Sea Tiger
Lun 21 Ago 2017, 11:18 Da Laerte

» Golden Star in costruzione! Mantua Model
Lun 21 Ago 2017, 11:12 Da Laerte

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri membri hanno inviato un totale di 92660 messaggi in 2955 argomenti

Abbiamo 6013 membri registrati

L'ultimo utente registrato è peppe53


    Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Condividere
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Ven 16 Mag 2014, 19:01

    Ciao a tutti   
    apro questo nuovo WIP perchè ho deciso di aprire un "cantiere" in legno alternativo al MAS in plastica sul quale sono ancora in fase di progettazione.
    ho approfittato dell'ordine dei piani del MAS fatto alla ANB per aggiungere i piani della classe Gulnara disegnati dal Gay:





    le caratteristiche dell'imbarcazione sono le seguenti:

    Nome Ichnusa (per chi non lo sapesse è l'antico nome della Sardegna)
    Tipo avviso a ruote (1837-1863) riclassificato avviso a ruote di II classe (1863-1867)
    Classe Gulnara
    Proprietario Marina del Regno di Sardegna (1837-1861) Regia Marina (1861-1867)
    Costruttori Cantiere della Foce, Genova
    Impostata 1836
    Varata 27 luglio 1837
    Entrata in servizio nell'ottobre 1837 nella Marina sarda e incorporata nella Regia Marina Italiana il 17 marzo 1861, Radiata 10 ottobre 1867 è stata aviata alla demolizione.
    Dislocamento in carico normale 450 T
    Lunghezza tra le perpendicolari 34,90 m
    Larghezza 7,08 m
    Pescaggio medio a carico normale 3,08 m
    Propulsione 1 caldaia
    1 macchina alternativa a vapore
    potenza 90 CV (66 kW)
    2 ruote a pale
    armamento velico a brigantino goletta
    Velocità massima 7 nodi
    Equipaggio 57 tra ufficiali, sottufficiali e marinai

    Prima nave da guerra a vapore costruita in un cantiere italiano – e prima nave a vapore costruita in un cantiere nel Regno di Sardegna –, nei cantieri genovesi della Foce su licenza del cantiere Blackwall, l'Ichnusa era un avviso a ruote con scafo in legno e carena ricoperta di rame, costruito sugli stessi piani del capoclasse Gulnara, detto «pacchetto postale» (benché navi da guerra, appartenenti alla Marina sarda e provvisti di un sia pur scarso armamento, infatti, i due avvisi erano stati concepiti soprattutto per l’utilizzo come piroscafi postali per il trasporto di merci e passeggeri) e prima unità militare a vapore della Marina del Regno di Sardegna.

    Le due unità della classe «Gulnara» erano propulse da una macchina alternativa a vapore a cilindri oscillanti prodotta dalla ditta Fawcett & Preston di Liverpool, che, alimentata da una singola caldaia, imprimeva la potenza di 90 hp (66 kW) indicati a due ruote a pale laterali, permettendo una velocità di 7 nodi. Ogni ruota aveva dodici bracci, otto dei quali provvisti di doppie pale fissate alla struttura e non rimovibili, mentre i restanti quattro avevano pale composte da un solo pezzo (e lievemente più corte, in modo da mantenere un’eguale superficie complessiva) connesse a cerniera all’estremità del braccio, ed abbattibili attraverso lo sfilamento di un perno asportabile sito nella parte superiore. In tal modo, quando le navi navigavano a vela (avevano infatti due alberi, trinchetto e maestra, armati a brigantino goletta, il primo a vele quadre ed il secondo a vele auriche), le ruote venivano immobilizzate in maniera tale che i bracci immersi fossero i quattro con pale abbattibili, permettendo così di abbattere o rimuovere tali pale, in modo da eliminarne la resistenza all’acqua.

    ora non resta che cominciare a progettare:   
    devo decidere in quale scala realizzarla (i piani sono 1:50)
    e trovare informazioni su alcuni particolari mancanti dai piani, in particolare sulle ruote.
    chiaramente sono graditissime eventuali informazioni da parte vostra  

    ciao
    avatar
    Albatros
    Ammiraglio
    Ammiraglio

    Maschile Gemelli Dragone
    Numero di messaggi : 2815
    Data d'iscrizione : 29.06.09
    Età : 53
    Località : Sant'Angelo Romano
    Umore : ma..... dipende

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da Albatros il Sab 17 Mag 2014, 22:12

    Ho anche io quel progetto ed è molto bello.
    Sarà un piacere seguirti.

    Mauro
    avatar
    geppo
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Cancro Dragone
    Numero di messaggi : 696
    Data d'iscrizione : 10.07.12
    Età : 53
    Località : Roma
    Umore : variabile

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da geppo il Dom 18 Mag 2014, 12:34

    non vedo l'ora che cominci sono curioso di vedere cosa ti inventerai per realizzare questo modello; dati i precedenti...
    La scelta mi piace per cui buon inizio...
    ciao
    Geppo
    avatar
    luigi43
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Toro Capra
    Numero di messaggi : 953
    Data d'iscrizione : 23.12.12
    Età : 74
    Località : roma
    Umore : quasi sempre buono

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da luigi43 il Dom 18 Mag 2014, 18:27

    Buon inizio lavori anche da parte mia,ti seguirò come un segugio Luigi


    _________________
    per imparare non è mai troppo tardi
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Sab 24 Mag 2014, 15:07

    Ciao a tutti!
    grazie a Mauro, Giuseppe e Luigi per l'incoraggiamento (penso che ne avrò bisogno soprattutto quando si arriverà all'armamento degli alberi visto che è la mia prima volta!)

    ho deciso di realizzare il modello in scala 1:70 per due semplici modivi:
    1) il piano di costruzione originale ho scoperto che è 1:52,5 e quindi con una semplice riduzione al fotocopiatore del 75% sono arrivato ad 1:70 giusto.
    2) il modello con queste dimensioni (72x33x17cm circa) entra perfettamente nel bauletto di trasporto che ho realizzato per la Calypso, e quindi non si sa mai che serva per la prossima gita ad Euroma 2015!
       
    adesso non rimane che applicare le copie sul compensato e mettere in moto il traforo elettrico ricevuto in regalo per il mio 50 compleanno!   

    una richiesta: se qualcuno avesse notizie e consigli su come realizzare le ruote motrici laterali mi sarebbe di infinito aiuto visto che quel particolare è completamente assente sui piani.   

    ciao
    avatar
    IGianni Giordano
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Toro Ratto
    Numero di messaggi : 2081
    Data d'iscrizione : 11.02.12
    Età : 81
    Località : Genova
    Umore : allegro

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da IGianni Giordano il Sab 24 Mag 2014, 17:59

    Se non ricordo male, Silvano ( vulgo Traippo) ha costruito non ricordo cosa a ruote e ricordo una bella spiegazione su come realizzare le ruote. Cerca un pò nelle discussioni passate o richiedi a lui.


    Gianni
    avatar
    cantierimodellinavali
    Admin
    Admin

    Maschile Leone Cane
    Numero di messaggi : 2617
    Data d'iscrizione : 17.10.11
    Età : 59
    Località : Roma
    Umore : Tranquillo

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da cantierimodellinavali il Sab 24 Mag 2014, 19:14

    Osvaldo,

    non ci crederai ma ogni tanto mi domandavo tra me e me come mai Osvaldo non ha ancora adocchiato questo modello?
    Sicuramente ne tirerai fuori un' ottima realizzazione.

    Per quanto riguarda le ruote ricorda bene Gianni,
    trovi tutto spiegato passo passo nel wip dell'Esploratore di Silvano, qui:


    buon cantiere!


    _________________
    marco  
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Dom 25 Mag 2014, 23:44

    IGianni Giordano ha scritto:Se non ricordo male, Silvano ( vulgo Traippo) ha costruito non ricordo cosa a ruote e ricordo una bella spiegazione su come realizzare le ruote.  Cerca un pò nelle discussioni passate o richiedi a lui.


    Gianni

    cantierimodellinavali ha scritto:Osvaldo,

    non ci crederai ma ogni tanto mi domandavo tra me e me come mai Osvaldo non ha ancora adocchiato questo modello?
    Sicuramente ne tirerai fuori un' ottima realizzazione.

    Per quanto riguarda le ruote ricorda bene Gianni,
    trovi tutto spiegato passo passo nel wip dell'Esploratore di Silvano, qui:


    buon cantiere!

    Grazie a Gianni e Marco per la segnalazione!
    sono andato a vedere il wip dell'esploratore di Silvano e di rimando anche quello della guiscardo di Rocco e mi sono fatto un'idea di quello che devo fare.
       
    mi sa' che mando un MP a Silvano e Rocco per sapere se hanno delle foto o dei disegni particolareggiati del meccanismo delle ruote.
    inoltre leggevo che sull'Ichnusa ( e sulla Gulnara) 4 delle 12 pale avevano un meccanismo che consentiva di modificare il loro assetto durante la navigazione a vela  per evitare di offrire resistenza all'acqua.
      
    avatar
    JP
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Acquario Gatto
    Numero di messaggi : 638
    Data d'iscrizione : 15.10.09
    Età : 53
    Località : Roma
    Umore : Dipende dall'aereo che prendo...

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da JP il Lun 26 Mag 2014, 09:03

    omel64 ha scritto:
    IGianni Giordano ha scritto:Se non ricordo male, Silvano ( vulgo Traippo) ha costruito non ricordo cosa a ruote e ricordo una bella spiegazione su come realizzare le ruote.  Cerca un pò nelle discussioni passate o richiedi a lui.


    Gianni

    cantierimodellinavali ha scritto:Osvaldo,

    non ci crederai ma ogni tanto mi domandavo tra me e me come mai Osvaldo non ha ancora adocchiato questo modello?
    Sicuramente ne tirerai fuori un' ottima realizzazione.

    Per quanto riguarda le ruote ricorda bene Gianni,
    trovi tutto spiegato passo passo nel wip dell'Esploratore di Silvano, qui:


    buon cantiere!

    Grazie a Gianni e Marco per la segnalazione!
    sono andato a vedere il wip dell'esploratore di Silvano e di rimando anche quello della guiscardo di Rocco e mi sono fatto un'idea di quello che devo fare.
       
    mi sa' che mando un MP a Silvano e Rocco per sapere se hanno delle foto o dei disegni particolareggiati del meccanismo delle ruote.
    inoltre leggevo che sull'Ichnusa ( e sulla Gulnara) 4 delle 12 pale avevano un meccanismo che consentiva di modificare il loro assetto durante la navigazione a vela  per evitare di offrire resistenza all'acqua.
      


    Okkio...

    A differenza dell'Esploratore, molto più tardo come costruzione, in cui tutte le palette erano mobili, controllate da una raggiera che era collegata ad un mozzo eccentrico che permetteva di essere verticali quando venivano a trovarsi immerse, la tua nave non aveva un simile artifizio.

    E' possibile che il "meccanismo" che consentiva di modificare l'assetto delle pale era in realtà un sistema di "messa in orizzontale" fissa di queste pale, con andamento parallelo al correre del flusso fluido, per evitare resistenza al movimento.

    Questo poteva essere fatto, credo, soltanto facendo ruotare in qualche modo le 4 pale (e solo quelle) attorno ad un asse orizzontale, in modo da ridurre appunto la resistenza. Questo significava che tale manovra doveva poi prevedere il fermo delle ruote durante la navigazione puramente a vela, in una posizione fissa ben determinata.

    Nella storia della navigazione ci sono stati altri artifizi per ridurre la resistenza data dalle pale durante la navigazione a vela (oltre all'utilizzo dell'eccentrico che risultò la soluzione tecnicamente migliore alla fine) :

    * la chiusura dei raggi delle pale come fossero aste di un "ventaglio" (vedi la statunitense Savannah, la prima a ruote ad attraversare l'atlantico )

    * lo sgancio di alcune pale e l'estrazione delle stesse dai raggi (vedi le greche di costruzione inglese "Epicheresis" e "Karteria" che combatterono nell conflitto della guerra di indipendenza greca dalla turchia, sotto il comando dell'ammiraglio mercenario Cochrane)

    Per cui, secondo me (ma è una considerazione personale) conviene realizzare le ruote con raggi e pale fisse, magari mettendone solo 4 con un meccanismo che le permetta di far girare intorno ad un asse, magari incernierata sui raggi) e con un aggancio per tenerle in posizione.

    Ciao ed a riscriverci presto

    Jp


    _________________
    "Damn the torpedoes, full speed ahead!"

    magnani claudio
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Leone Bufalo
    Numero di messaggi : 276
    Data d'iscrizione : 17.01.13
    Età : 68
    Località : la Spezia

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da magnani claudio il Lun 26 Mag 2014, 10:43

    Ciao Omel, seguirò il tuo nuovo progetto, in bocca al lupo.
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Lun 26 Mag 2014, 17:47

    magnani claudio ha scritto:Ciao Omel, seguirò il tuo nuovo progetto, in bocca al lupo.
    ciao Claudio!
    grazie
      
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Lun 26 Mag 2014, 17:58

    JP ha scritto:
    Okkio...

    A  differenza dell'Esploratore, molto più tardo come costruzione, in cui tutte le palette erano mobili, controllate da una raggiera che era collegata ad un mozzo eccentrico che permetteva di essere verticali quando venivano a trovarsi immerse, la tua nave non aveva un simile artifizio.

    E' possibile che il "meccanismo" che consentiva di modificare l'assetto delle pale era in realtà un sistema di "messa in orizzontale" fissa di queste pale, con andamento parallelo al correre del flusso fluido, per evitare resistenza al movimento.

    Questo poteva essere fatto, credo, soltanto facendo ruotare in qualche modo le 4 pale (e solo quelle) attorno ad un asse orizzontale, in modo da ridurre appunto la resistenza.  Questo significava che tale manovra doveva poi prevedere il fermo delle ruote durante la navigazione puramente a vela, in una posizione fissa ben determinata.

    Nella storia della navigazione ci sono stati altri artifizi per ridurre la resistenza data dalle pale durante la navigazione a vela (oltre all'utilizzo dell'eccentrico che risultò la soluzione tecnicamente migliore alla fine) :

    * la chiusura dei raggi delle pale come fossero aste di un "ventaglio" (vedi la statunitense Savannah, la prima a ruote ad attraversare l'atlantico )

    * lo sgancio di alcune pale e l'estrazione delle stesse dai raggi (vedi le greche di costruzione inglese "Epicheresis" e "Karteria" che combatterono nell conflitto della guerra di indipendenza greca dalla turchia, sotto il comando dell'ammiraglio mercenario Cochrane)

    Per cui, secondo me (ma è una considerazione personale) conviene realizzare le ruote con raggi e pale fisse, magari mettendone solo 4 con un meccanismo che le permetta di far girare intorno ad un asse, magari incernierata sui raggi) e con un aggancio per tenerle in posizione.

    Ciao ed a riscriverci presto

    Jp

    ciao Giampiero!

    effettivamente avevo già letto di queste 4 pale "sbloccabili" per evitare l'attrito con l'acqua durante la navigazione a vela, ma la descrizione parla genericamente di un perno che veniva estratto per consentire l'operazione.
    l'idea che mi sono fatto io era pressapoco questa: 8 pale fisse (il che mi solleva da un lavorone per eccentrici e movimento) e quattro pale con perno che le libera (suppongo che questa operazione venisse fatta all'interno dei casotti, e che successivamente  le ruote venissero bloccate in maniera opportuna)
    il dubbio che ho è se le quattro pale in questione venissero solo liberate o asportate completamente, perche il particolare dovrebbe essere visibile nel caso decidessi di realizzare le vele spiegate, mentre in caso di vele ammainate le pale dovrebbero essere al loro posto eventualmente dettagliando il diverso tipo di fissaggio.
    per questo motivo mi chiedevo se qualcuno fosse in possesso di disegni particolareggiati.
    spero di essere stato abbastanza chiaro.
    saluti
    avatar
    JP
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Acquario Gatto
    Numero di messaggi : 638
    Data d'iscrizione : 15.10.09
    Età : 53
    Località : Roma
    Umore : Dipende dall'aereo che prendo...

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da JP il Mar 27 Mag 2014, 10:23

    omel64 ha scritto:

    ciao Giampiero!

    effettivamente avevo già letto di queste 4 pale "sbloccabili" per evitare l'attrito con l'acqua durante la navigazione a vela, ma la descrizione parla genericamente di un perno che veniva estratto per consentire l'operazione.
    l'idea che mi sono fatto io era pressapoco questa: 8 pale fisse (il che mi solleva da un lavorone per eccentrici e movimento) e quattro pale con perno che le libera (suppongo che questa operazione venisse fatta all'interno dei casotti, e che successivamente  le ruote venissero bloccate in maniera opportuna)
    il dubbio che ho è se le quattro pale in questione venissero solo liberate o asportate completamente, perche il particolare dovrebbe essere visibile nel caso decidessi di realizzare le vele spiegate, mentre in caso di vele ammainate le pale dovrebbero essere al loro posto eventualmente dettagliando il diverso tipo di fissaggio.
    per questo motivo mi chiedevo se qualcuno fosse in possesso di disegni particolareggiati.
    spero di essere stato abbastanza chiaro.
    saluti

    Ciao...

    Non sono sicuro al 100% che l'operazione di "estrarre il perno" fosse realizzata all'interno del casotto, soprattutto se il perno era lungo quanto la lunghezza della pala + gli sfridi sui raggi della ruota..... non ci sarebbe stato spazio dentro il casotto (tieni conto che lo spazio libero lateralmente alle ruote era poco, e si e no si aveva una apertura laterale o spesso dall'alto del tamburo per entrare "nella" ruota)

    Quello che può essere è che le pale fossero unite ai raggi attraverso due perni (uno por raggio) che potevano essere rimossi, oppure facendo leva su questi, le pale venivano ruotate di 90 gradi per avere una posizione orizzontale. In questo secondo caso, comunque, si sarebbero dovuti avere almeno un paio di blocchi che permettevano di mantenere orizzontale e fissa la pala durante la navigazione a vela.

    Onestamente, se fossi in te, realizzerei le ruote con le pale completamente fisse (e quindi senza evidenziare il meccanismo) come se la nave stesse utilizzando il vapore, e sugli alberi metterei le vele raccolte e non spiegate, come se la nave stesse manovrando per entrare in porto...

    Ovviamente è solo un suggerimento... purtroppo di meccanismi sulle ruote a pale prima della nascita del movimento ad eccentrico c'è poca documentazione ed è difficile immaginare esattamente come funzionavano tali meccanismi.

    ciao
    Jp


    _________________
    "Damn the torpedoes, full speed ahead!"
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Sab 31 Mag 2014, 13:36

    JP ha scritto:
    Ciao...

    Non sono sicuro al 100% che l'operazione di "estrarre il perno" fosse realizzata all'interno del casotto, soprattutto se il perno era lungo quanto la lunghezza della pala + gli sfridi sui raggi della ruota..... non ci sarebbe stato spazio dentro il casotto (tieni conto che lo spazio libero lateralmente alle ruote era poco, e si e no si aveva una apertura laterale o spesso dall'alto del tamburo per entrare "nella" ruota)

    Quello che può essere è che le pale fossero unite ai raggi attraverso due perni (uno por raggio) che potevano essere rimossi, oppure facendo leva su questi, le pale venivano ruotate di 90 gradi per avere una posizione orizzontale. In questo secondo caso, comunque, si sarebbero dovuti avere almeno un paio di blocchi che permettevano di mantenere orizzontale e fissa la pala durante la navigazione a vela.

    Onestamente, se fossi in te, realizzerei le ruote con le pale completamente fisse (e quindi senza evidenziare il meccanismo) come se la nave stesse utilizzando il vapore, e sugli alberi metterei le vele raccolte e non spiegate, come se la nave stesse manovrando per entrare in porto...

    Ovviamente è solo un suggerimento... purtroppo di meccanismi sulle ruote a pale prima della nascita del movimento ad eccentrico c'è poca documentazione ed è difficile immaginare esattamente come funzionavano tali meccanismi.

    ciao
    Jp
    Ciao Giampiero!
    penso che seguirò il tuo consiglio e realizzerò il modello con vele ammainate e pale in assetto di spinta!
    nel frattempo ho iniziato lo scafo!
    a presto le foto.
    ciao
    avatar
    cantierimodellinavali
    Admin
    Admin

    Maschile Leone Cane
    Numero di messaggi : 2617
    Data d'iscrizione : 17.10.11
    Età : 59
    Località : Roma
    Umore : Tranquillo

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da cantierimodellinavali il Sab 31 Mag 2014, 23:10

    Osvaldo,

    ... Giampiero!
    penso che seguirò il tuo consiglio e realizzerò il modello con vele ammainate e pale in assetto di spinta! ...

    saggia decisione, se non si ha certezza di come sono fatti i particolari e meglio non farli anziché farli sbagliati se non addirittura inventati.


    _________________
    marco  
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Sab 14 Giu 2014, 17:37

    ciao a tutti!   
    in questi 15 giorni il tempo è stato tiranno e non ho avuto occasione di postare gli avanzamenti del cantiere.
    Ho dovuto constatare che purtroppo il piano di costruzione non è molto dettagliato, mancano la vista di prua e soprattutto quella di poppa e alcuni disegni dei particolari che mi complicano la realizzazione delle finestrature poste intorno alla poppa e della struttura arrotondata che a prua si congiunge al dritto di prua.
    inoltre le ordinate prodiere hanno gli scalmotti verticali mentre il piano mostra una notevole inclinazione del parapetto verso prua.
    mi sa che in corso d'opera saranno necessari diversi aggiustamenti!!!!
       
    comunque comincio a postare le prime foto:
    Chiglia e ordinate: dopo aver realizzato la chiglia come da piano la vedete davanti) ho deciso di rifarla sollevandola fino a filo ponte in modo da facilitare il posizionamento delle ordinate.

    ho poi realizzato una priva copertura: dopo un tentativo di fasciare con dei listelli sono passato ad una copertura di balsa da 1 mm che mi ha facilitato le curvature:



    purtroppo in questa fase mi sono reso conto di quanto fossero delicati gli scalmotti delle ordinate: ne hanno ceduto diversi!!!!!   

    ho iniziato il fasciame con listelli 3x1 per l'opera morta che riceverà solo la verniciatura e listelli 5x1 per l'opera viva che andrà rivestita di rame


    ho poi realizzato il ponte (che andrà poi listellato) sempre con balsa da 1 mm con incollato il disegno del piano, prima dell'applicazione del ponte ho inserito due tubetti di plastica in corrispondenza dei fori di alloggiamento degli alberi:



    devo dire che la realizzazione mi è risultata un po' difficoltosa probabilmente a causa della dimensione limitata dello scafo, di alcuni particolari abbastanza deboli e dei disegni delle ordinate che non mi sono sembrati molto precisi.
    speriamo che in fase di avanzamento le cose migliorino.
      
    ciao
    avatar
    luigi43
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Toro Capra
    Numero di messaggi : 953
    Data d'iscrizione : 23.12.12
    Età : 74
    Località : roma
    Umore : quasi sempre buono

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da luigi43 il Dom 15 Giu 2014, 08:38

    Come inizio sembra venire bene,buon proseguimento Luigi


    _________________
    per imparare non è mai troppo tardi
    avatar
    cantierimodellinavali
    Admin
    Admin

    Maschile Leone Cane
    Numero di messaggi : 2617
    Data d'iscrizione : 17.10.11
    Età : 59
    Località : Roma
    Umore : Tranquillo

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da cantierimodellinavali il Dom 15 Giu 2014, 11:22

    Osvaldo,


    ... mi sono reso conto di quanto fossero delicati gli scalmotti delle ordinate: ne hanno ceduto diversi!!!!!...

    per la prossima volta, se mai si presentasse lo stesso problema, è conveniente operare similmente come hai fatto con la chiglia cioè sovradimensionare gli scalmotti per avere più robustezza, tanto dopo andranno tolti comunque.


    _________________
    marco  
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Mar 26 Ago 2014, 18:33

    Ciao a tutti!
    sono di nuovo quà e solo adesso mi rendo conto che sono passati più di due mesi dall'ultimo post! affraid

    a parte le ferie (che spero siano andate benissimo a tutti voi) mi sono preso un periodo si sosta anche dal modellismo, e alla ripresa dei lavori ho preso una decisione radicale: si ricomincia da capo!

    infatti, come già mi era capitato con la Calypso il primo scafo non mi ha soddisfatto, mi sono accorto che le ordinate del piano non erano perfettamente simmetriche e che il fasciame ha arcuato lo scafo rendendolo leggermente a "banana"!!!!!

    quindi nuova realizzazione delle ordinate, stavolta ricavate dal disegno delle linee d'acqua realizzando due semiordinate lavorate in sovrapposizione



    che poi aperte danno un'ordinata perfettamente simmetrica (come suggerito da Marco stavolta ho rinforzato i falsi scalmotti)



    il lavoro è proseguito con l'incollaggio di listellini che serviranno poi per l'incollaggio delle semiordinate



    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Mar 26 Ago 2014, 18:41

    ai listellini ho poi incollato le semiordinate rinforzanto il tutto con altri listellini



    ho poi applicato al struttura ad un listello per eseguire il fasciame del mezzo scafo senza che si curvasse e steso il primo fasciame in listellini e pezzi di balsa applicando a prua e poppa dei riempitivi in poliuretano ad alta densità



    ho poi stuccato e levigato il semiscafo



    devo dire che il risultato adesso mi soddisfa molto di più del primo tentativo


    adesso si passa a completare l'altra metà dello scafo!

    ciao ciao alla prossima
    avatar
    luigi43
    Gruppo Modellisti Navali
    Gruppo Modellisti Navali

    Maschile Toro Capra
    Numero di messaggi : 953
    Data d'iscrizione : 23.12.12
    Età : 74
    Località : roma
    Umore : quasi sempre buono

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da luigi43 il Mar 26 Ago 2014, 19:14

    Vai Osvaldo che ti seguo con interesse Luigi


    _________________
    per imparare non è mai troppo tardi
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Mar 26 Ago 2014, 21:49

    luigi43 ha scritto:Vai Osvaldo che ti seguo con interesse    Luigi
    ciao Luigi!
    grazie

    è un piacere rileggerti!
    avatar
    Walkyrja
    Admin
    Admin

    Femminile Acquario Gallo
    Numero di messaggi : 2696
    Data d'iscrizione : 27.10.12
    Età : 59
    Località : Trieste
    Umore : Terribilimente indaffarata

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da Walkyrja il Mer 27 Ago 2014, 01:42

    Ciao Osvaldo,

    vai che vai alla grande. cheers

    Voglio vedere se trovi particolari con oggetti strani come per la Calyspo.

    P.S. Ah, ho trovato quel piccolo violoncello che dicevo a tua moglie, la prossima che vengo dalle tue parti ve lo porto volentieri.


    _________________
         
    avatar
    omel64
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschile Ariete Dragone
    Numero di messaggi : 313
    Data d'iscrizione : 08.05.12
    Età : 53
    Località : Macomer (NU)
    Umore : conviene stare sempre allegri, si vive meglio!

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da omel64 il Mer 01 Ott 2014, 21:23

    Walkyrja ha scritto:Ciao Osvaldo,

    vai che vai alla grande. cheers

    Voglio vedere se trovi particolari con oggetti strani come per la Calyspo.

    P.S. Ah, ho trovato quel piccolo violoncello che dicevo a tua moglie, la prossima che vengo dalle tue parti ve lo porto volentieri.

    Ciao Giulia
    chiedo scusa per non aver risposto subito ma il tempo libero a Settembre è stato veramente poco e ci ha rimesso la frequentazione del forum!

    non credo che ci sarà molto spazio per le invenzioni su questo modello, però qualche cosa abbastanza "strana" la stò pensando lo stesso!

    chiaramente la prossima volta che passi dalle mie parti organizzati per fermarti un po' di più così ho la possibilità di organizzarmi e farti assaggiare qualcosa della nostra  cucina!
    avatar
    cantierimodellinavali
    Admin
    Admin

    Maschile Leone Cane
    Numero di messaggi : 2617
    Data d'iscrizione : 17.10.11
    Età : 59
    Località : Roma
    Umore : Tranquillo

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da cantierimodellinavali il Gio 02 Ott 2014, 13:13

    Bentornato Osvaldo,
    dài facci vedere qualcosa!


    _________________
    marco  

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Avviso a ruote Ichnusa 1837

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Gio 24 Ago 2017, 12:40