Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Unisciti al forum, è facile e veloce

Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Modellisti Navali

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti attivi

» MAS 4 serie (motoscafo armato silurante)
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyMar 27 Lug 2021, 18:52 Da omel64

» Artesien (ARSENALE) 1:144 (Walter Furlan)
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyLun 26 Lug 2021, 08:50 Da Walter Furlan

» Apertura Cantiere Trumpeter 1:350 R.N. Roma
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyDom 25 Lug 2021, 11:50 Da omel64

» RMS Titanic 1:100
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptySab 24 Lug 2021, 12:41 Da omel64

» NAVE SCUOLA PALINURO
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyLun 19 Lug 2021, 19:42 Da IGianni Giordano

» Rimorchiatore RD 7-12
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyLun 19 Lug 2021, 19:39 Da Walkyrja

» CANTIERE NAVALE AMERIGO VESPUCCI DA KIT PANART SCALA 1:84 DI JACK SPARROW 53
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyLun 19 Lug 2021, 16:22 Da JACK SPARROW 53

» Costruzioni Velieri Eduardo
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyMer 07 Lug 2021, 08:48 Da dragoon56

»  Wasa's sharing projet
Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo EmptyVen 02 Lug 2021, 13:22 Da omel64

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 105799 messaggi in 3502 argomenti

Abbiamo 6735 membri registrati

L'ultimo utente registrato è Ofelio


2 partecipanti

    Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo

    quanto48
    quanto48
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Maschio Vergine Ratto
    Numero di messaggi : 43
    Data d'iscrizione : 23.12.10
    Età : 72
    Località : Palermo
    Umore : variabile

    Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo Empty Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo

    Messaggio Da quanto48 Gio 04 Ott 2012, 16:56

    Ciao a tutti.

    Nel corso della ricerca per capire come tracciare tutte le "coppie" (couples) oltre a quelle di maestra e di bilanciamento del Soleil Royal, vascello di primo rango a tre ponti francese da 110 cannoni, con castello di prua, cassero e mezzo cassero, del 1669, il mio tentativo è stato spesso "ridimensionato" da frasi del tipo: Queste ordinate sono caratteristiche delle fregate. Ma non ho avuto riposte convincenti a favore del tipo che interessano me.
    Inoltre, se non ricordo male ho letto sul libro dei vascelli del Re sole, che i tentativi innovativi di "Renau d'Eliçagarey, di tracciare le dime con l'ellissografo di sua invenzione, non diedero esito positivo in quanto il tracciato non era riconosciuto correttto da parte dei costruttori.

    Io ho provato anche con i metodi suggeriti da Duhamel du Monceau e da Boguer. Allora mi domando, e vi domando: Come si fa a capire se il tipo di tracciato che viene fuori per le ordinate è corretto per un vascello a tre ponti di primo rango, o no?
    Come sapete la letteratura parla moltissimo delle navi a due ponti (74 cannoni) del 1700 e oltre, ma quasi nulla sui tre ponti del 1600.
    Potete darmi una mano?
    Grazie e ciao.

    ammutinato
    ammutinato
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Scorpione Scimmia
    Numero di messaggi : 783
    Data d'iscrizione : 24.09.10
    Età : 52
    Località : BARI
    Umore : Alto

    Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo Empty Re: Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo

    Messaggio Da ammutinato Gio 04 Ott 2012, 18:35

    Ciao,
    onestamente non so rispondere alla tua domanda. Anche perche', francamente, non l'ho capita molto bene.
    Certamente nel 1600 come saprai, il disegno, i volumi e l'idrodinamica erano concetti ancora poco conosciuti.
    Blaise Ollivier fu forse un antesignano dei volumi di carena. Molto interessante la parte introduttiva alla monografia del Fleuron. Se lo possiedi, dai un 'occhiata.
    Ti anticipo anche di avere da tempo la monografia dell'Ambiteux, vascello a 3 ponti del 1680. Non ho avuto modo neanche di aprirla e guardarla. Sarebbe interessante partire da quella monografia per capire qualcosa in piu' sull'archeologia del XVII^ secolo.
    Aspetta, magari si affaccia chi e' piu' ferrato con la marineria francese del 1600.


    _________________
    ID SKYPE: LUCA.S494

    GMN

    RICHIEDI ADESIONE


    Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo Logo211
    quanto48
    quanto48
    Guardia Marina
    Guardia Marina

    Maschio Vergine Ratto
    Numero di messaggi : 43
    Data d'iscrizione : 23.12.10
    Età : 72
    Località : Palermo
    Umore : variabile

    Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo Empty Re: Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo

    Messaggio Da quanto48 Gio 04 Ott 2012, 21:49

    Ciao ammutinato.

    Intanto ti ringrazio per la risposta celere.
    Cercherò un po' di chiarire.
    Intanto, purtroppo il trattato di Blaise Ollivier non ce l'ho, perché quando avevo deciso di acquistarlo, ANCRE non aveva più copie disponibili.
    Per la ricerca dell'ossatura, mi sono basato, quindi, sui primi testi di architettura navale esistenti, redatti da personaggi come Hoste, Bernulli, Bouger, Dassié, Duhamel du Monceau, Matiz de Goimpy, Renau d'Eliçagarey e gli studi recenti di Eric Rieth, visto che i "testi eccellenti" di Boudriot, oggi non sono abbordabili economicamente; la lettura del "Le trois ponts du Chevalier de Tourville", "Les vaisseaux du Roy Soleil".
    Ho in mente di acquistare "l'album di Colbert" e qualche altro testo appropriato, ma economicamente accessibile delle edizioni ANCRE, perché i prezzi delle nuove ristampe stanno salendo vertiginosamente, ma ancora non ho scelto.

    So bene che quando fu costruito il Soleil Royal ancora non si usava disegnare preventivamente perché era un periodo di transizione da quello medioevale, e fino al 18° secolo inoltrato, nonostante tre "ordonnance" del Re Luigi XIV, e l'inizio delle scuole per ufficiali prima e per costruttori, poi.
    Ma la situazione rimase "difficile per altri decenni, perché prevaleva, complici gli stessi ufficiali, la maniera di costruire dei maestri carpentieri, col metodo dell'impostazione, sul cantiere della chiglia della ruota di prua, dell'ordinata maestra, delle due ordinate di bilanciamento e dell'arcaccia, collegati mediante più "lisses" per poi ricavare le forme delle costole intermedie.
    Le ordinate: maestra, di bilanciamento e l'arcaccia venivano assemblate prima, o tracciate nella sala a tracciare alla fine del secolo, mediante gabarit già pronti, ricavati dai "segreti di famiglia" o da vascelli "riusciti", dato che ancora la scienza delle costruzioni navali era neonata e non permetteva di prevederne la riuscita.
    Molti vascelli, infatti, per navigare avevano poi bisogno dell'insufflagio, oppure si "perdevano", non riuscendo, i costruttori, tra l'altro, a capirne le cause.

    Eric Rieth, nell'articolo "Les debuts de l'enseignement à l'école de construction de Toulon: Le livre de construction des vaisseaux (1683) de Francois Coulomb (1654 - 1717)", pubblicato su "Navi di legno" fa notare come sia descritto, per un vascello di quarto rango, assieme ai primi tentativi di schizzi e disegni, un sistema simile a quello trattato da Bouguer e da Duhamel du Monceau, per effettuare la riduzione delle costole (rétrécissement) e l'aumento della stellatura (acculement), mediante l'uso du mâitre-gabarit, la tablette, le trébuchet e triangoli vari, sistema oggetto di studio e ricerca nel secolo successivo da paerte di La Madeleine, e similmente, per qualche parte grafica, da Dassié.

    Spero, con quanto accennato, di non avere complicato le cose.
    In questo quadro, infatti, mi risulta difficile tracciare le ordinate.

    Ciao.

    ATTENZIONE: Mi dispiace, ma non sono riuscito ad inserire le immagini chiarificatrici.

    Contenuto sponsorizzato

    Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo Empty Re: Caratteristiche delle carene dei vascelli del 17° secolo

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Gio 29 Lug 2021, 18:21