Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

» Barista, una Pinta per favore!
Joseph Bruce Ismay EmptyOggi alle 09:01 Da Giorgio 45

» VELIERO SEA CLOUD
Joseph Bruce Ismay EmptyIeri alle 18:01 Da IGianni Giordano

» La Belle 1684 scala 1/24 piani ANCRE cantiere di grisuzone
Joseph Bruce Ismay EmptyGio 19 Set 2019, 18:21 Da grisuzone

» CERCO DISEGNI
Joseph Bruce Ismay EmptyMer 18 Set 2019, 18:11 Da Bompresso

» KIT MODELLISMO NAVALE
Joseph Bruce Ismay EmptyMer 18 Set 2019, 08:36 Da ALEX70

» aiuto per modello antico di Cutter inglese
Joseph Bruce Ismay EmptyMar 17 Set 2019, 19:55 Da Walkyrja

» Piani di costruzione Gozzo o Lancia sorrentina
Joseph Bruce Ismay EmptyMar 17 Set 2019, 19:50 Da Walkyrja

» cat boat coot
Joseph Bruce Ismay EmptyVen 13 Set 2019, 15:46 Da omel64

» Riva Amati
Joseph Bruce Ismay EmptyGio 12 Set 2019, 21:18 Da ALEX70

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 98229 messaggi in 3210 argomenti

Abbiamo 6440 membri registrati

L'ultimo utente registrato è alka


    Joseph Bruce Ismay

    capitan_valerio
    capitan_valerio
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschio Scorpione Capra
    Numero di messaggi : 447
    Data d'iscrizione : 02.09.10
    Età : 27
    Località : Trani
    Umore : esaltato

    Joseph Bruce Ismay Empty Joseph Bruce Ismay

    Messaggio Da capitan_valerio il Gio 16 Set 2010, 21:26

    Joseph Bruce Ismay 3-7210

    Joseph Bruce Ismay nacque a Crosby, vicino a Liverpool il 12 dicembre 1862, figlio maggiore di Thomas Henry Ismay e di Margaret Bruce. Il padre di Joseph Bruce Ismay era l'azionista di maggioranza nella società "Imrie" e socio fondatore della White Star Line. La famiglia visse a Dawpool, Cheshire; Joseph Bruce Ismay fu istruito alla Elstree School and Harrow. Quando lasciò gli studi fu mandato in Francia per un anno prima di fare apprendistato nell'ufficio del padre per i successivi quattro anni. Il giovane Ismay viaggiò per il mondo ed infine si stabilì a New York. Qui lavorò nell'ufficio della White Star Line per un ulteriore anno. Alla fine di quel periodo, fu nominato agente della società a New York. Nel 1888 Ismay si sposò con Julia Florence Schieffelin ed ebbero due maschi e due femmine. Nel 1891 Ismay e la sua famiglia ritornarono in Inghilterra. Quell'anno entrò come partner nella ditta del padre. Thomas Henry Ismay morì nel 1899 ed il figlio Bruce ne divenne il nuovo numero uno. Joseph Bruce Ismay condusse una ditta prospera e l'acume che aveva per il senso degli affari fecero sì che la società crebbe in modo considerevole. Nel 1901, dopo lungo negoziazioni, Ismay accettò le offerte del magnate americano John Pierpont Morgan e finì per fondare, con lui, la International Mercantile Marine Company, di cui faceva parte anche la White Star Line. A quell'epoca l'IMM era guidata da C. A. Griscom, presidente della American Line, ma nel 1904 Ismay subentrò Griscom e tenne la posizione di presidente fino al 1913. Oltre al ruolo che ricopriva nella società che suo padre aveva creato, Joseph Bruce Ismay era, a sua volta, anche presidente della Asiatic Steam Navigation Company, presidente della Liverpool Steamship Owners Protection Association and the Liverpool and London War Risks Association e così come della Delta Insurance co.. Ismay era anche un direttore del Liverpool, London and Globe Insurance Company, della Sea Insurance Company, del Birmingham Canal Navigation Company and the London, Midland and Scottish Railway.
    Una sera dell'estate 1907 (la data esatta è ignota), Bruce e Florence Ismay cenarono a Downshire, la casa londinese di Lord Pirrie. Pirrie era un socio nella ditta di Harland & Wolff, i costruttori navali di Belfast: i due firmarono un accordo ed il sodalizio fu lungo e remunerativo. Ismay e Pirrie furono determinati a formulare una risposta alla popolarità dei loro diretti concorrenti circa le ultime navi. La Cunard aveva presentato il Lusitania nel 1907, seguita poco dopo dal Mauretania. Queste navi erano state costruite con l'aiuto di un sussidio statale ed avevano messo sul mercato nuovi standard circa il lusso sul mare. Ismay e Pirrie decisero che la velocità non era l'elemento essenziale, mentre era plausibile e desiderabile concentrarsi nella creazione di grandi navi più lussuose in prima ed in seconda classe per corteggiare il ricco e la borghesia benestante. Ismay accompagnò sempre le sue navi nei loro viaggi inaugurali ed il TITANIC non sfuggì a questa regola. Il 10 aprile 1912 salì a bordo del TITANIC con il suo maggiordomo Richard Fry ed il suo segretario William Henry Harrison. A bordo fu assistito anche da Ernest E. S. Freeman, che, diversamente dagli altri due impiegati, fu elencato come un membro dell'equipaggio.


    Joseph Bruce Ismay 72-110
    La suite B52 occupata da Ismay sul TITANIC.

    Occupava una delle due suite di lusso di prima classe (fotografia sopra) con passeggiata privata.
    Durante l'affondamento, Joseph Bruce Ismay aiutò all'imbarco dei passeggeri nei canotti ma fu sgridato severamente dal Quinto Ufficiale Harold Godfrey Lowe perché disturbava le operazioni di sgombero della nave. Ismay salì sul canotto pieghevole C, l'ultimo ad essere stato messo in mare, di fronte a donne ed a bambini: un atto che lo segnò per il resto della sua vita. Dopo essere stato raccolto dalla Carpathia, Ismay si assicurò una stanza che apparteneva al medico della nave, e non lasciò mai la cabina che all'arrivo a New York, il 18 aprile. Durante il viaggio a New York, Ismay era apparentemente sotto l'influenza di oppio per tutto il tempo. Ismay testimoniò qualche giorno più tardi all'inchiesta aperta sul disastro del TITANIC, che si tenne prima negli Stati Uniti poi anche in Inghilterra. Alcuni giorni dopo il naufragio, il quotidiano Sun di New York scrisse "Ismay si è comportato con un coraggio eccezionale..." ma aggiunse che "nessuno sa come J. B. Ismay si è potuto ritrovare in un canotto di salvataggio".
    Fu attaccato con ferocia dall'opinione pubblica americana ed inglese, per aver abbandonato la nave mentre donne e bambini ancora erano a bordo. Di fatto, il suo salvataggio fu considerato come una vigliaccheria e la sua condotta molto criticata.
    La commissione di inchiesta gli rimproverò di avere privilegiato l'aspetto pubblicitario del viaggio alla sicurezza, spingendo il Comandante Smith ad accelerare la velocità del TITANIC e dunque si fece di lui il capro espiatorio della catastrofe.
    I giornali lo chiamarono "J. Bestia Ismay", ed alcuni gestirono vignette negative di lui mentre abbandonava la nave. La società londinese l'ostracizzò, e lo identificò come uno dei più grandi codardi.
    Dovette licenziarsi dalla sua compagnia nel 1913; nonostante tutto, dopo la tragedia del TITANIC, Ismay continuò ad essere attivo in affari marittimi. Forse per riabilitare la sua immagine donò 11.000 lire sterline, a favore delle vedove dei marinai deceduti e, nel 1919, diede altre 25.000 lire sterline al fine di aprire un fondo per riconoscere il contributo delle navi mercantili in guerra. Contrariamente al personaggio freddo e duro che si vedeva in lui, quelli che lo conoscevano da vicino affermarono che era persona di una natura timida e molto sensibile.
    Vendette la sua casa di campagna che aveva vicino a Liverpool e visse gli ultimi anni della sua esistenza tra le sue residenze di Londra e la sua proprietà "The Lodge" situata a Costelloe, nella contea di Galway, sulla costa ovest dell'Irlanda. Questa residenza fu distrutta misteriosamente da un incendio ma in seguito venne ricostruita.
    Alla fine del 1936, in seguito ad una malattia vascolare, gli fu amputata la gamba destra e non poté spostarsi poi che grazie all'aiuto delle stampelle o con la sedia a rotelle.
    Joseph Bruce Ismay morì, a causa di una trombosi cerebrale, all'età di 75 anni, il 17 ottobre 1937. Venne seppellito in Putney Vale, cimitero di Londra. Lasciò, tra i suoi beni, un appezzamento di terreno del valore di 693.305 lire sterline. The Time, nel suo articolo di elogio funebre, richiamò alcuni degli interessanti tratti nella personalità di Ismay ma non fece alcuna menzione del TITANIC.


    fonte: claudiobossi
    avatar
    Ospite
    Ospite

    Joseph Bruce Ismay Empty Re: Joseph Bruce Ismay

    Messaggio Da Ospite il Gio 16 Set 2010, 22:00

    Ottima sezione..spero che le leggano tutti in molti..
    capitan_valerio
    capitan_valerio
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschio Scorpione Capra
    Numero di messaggi : 447
    Data d'iscrizione : 02.09.10
    Età : 27
    Località : Trani
    Umore : esaltato

    Joseph Bruce Ismay Empty Re: Joseph Bruce Ismay

    Messaggio Da capitan_valerio il Ven 17 Set 2010, 12:26

    speriamo

    Contenuto sponsorizzato

    Joseph Bruce Ismay Empty Re: Joseph Bruce Ismay

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Dom 22 Set 2019, 09:54