Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri membri hanno inviato un totale di 92167 messaggi in 2931 argomenti

Abbiamo 5972 membri registrati

L'ultimo utente registrato è Giorgio Allegri


    La mia Couronne, da piani Lusci

    Condividere
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Lun 08 Giu 2015, 18:36

    Ciao Marco, dopo i tuoi cerchietti sono andato a controllare ed in effetti era naturale cadere nell’ errore di valutazione; certo le lande fanno il pelo ad alcuni portelli o li coprono parzialmente nella parte superiore dove però lo spazio ne permetterebbe l’apertura fino a 90°.

    Ti allego una “foto” sia di babordo che di tribordo e noterai che le prime foto erano risultate “poco veritiere” perché non avevo tenuto presente la curvatura, in quel punto, dello scafo; superiormente, in questa fase di lavoro, si intravede un’impalcatura a protezione dei portelli aperti.





    Queste tue osservazioni sonno comunque sempre ben accette … per il discorso sulle bigotte ti posto foto tratte dal manuale di Lusci “costruiamo insieme la Couronne” … di spazio, anche li, ne vedo molto poco.







    Tra non molto dovrò occuparmi dell’alberatura … impiegherò buona parte dell’estate nel documentarmi per tentare di renderla il meno inglese possibile … mi attende un arduo lavoro ma ho già qualche idea ad iniziare dalle coffe; peccato che ormai è troppo tardi per riposizionare centralmente il bompresso, non me la sento di ributtare giù quella parte di prua e rifare il ponte.

    Conto sulle tue future osservazioni perché sono convinto che potrai aiutarmi moltissimo.

    Certamente con le ulteriori aggiunte, revisioni e rifacimenti … sarà sempre di più la “mia Couronne” liberamente interpretata da piani Lusci.

    Giorgio 45
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Ven 12 Giu 2015, 19:44

    Miglioramenti e piccole modifiche 6

    I portelli aperti, muniti di cerniere funzionanti e tiranti, sono stati realizzati in doppio fasciame con il relativo incastro semplificato e una chiodatura interna dipinta.

    Ho perso il conto per tutte le volte che le cerniere si sono scollate dai portelli; ogni piccola trazione … un disastro!

    Spiegazione alquanto semplice, le cerniere sono incollate sul portello già verniciato; dipingere i portelli dopo non è nelle mie capacità.

    Per mia fortuna sono solo quattordici ma ne avrò incollate oltre trenta!

    I portelli sono di mm. 1 di spessore totale, ottenuti con due strati incrociati di impiallacciatura.

    Non ho osato mettere chiodi veri (le semenzine del calzolaio,  con gambo a sezione quadrata, opportunamente troncate) e … non saprei neanche come farlo … suggerimenti in proposito?

    La chiodatura dipinta è grossolana e poco visibile per l’inclinazione dei portelli ma serve a rendere l’idea; ho tirato in alto completamente un portello, solo momentaneamente, per fare la foto.





    Alcune foto sono molto ravvicinate per cui piccole imperfezioni risultano ingigantite … tanto per dare idea delle dimensioni i portelli sono manovrati da corde che in realtà sono un normale filo per cucire!

    Mettere in così poco spazio (meno di 1 cm²) oltre cento puntini …  renderebbe il tutto o non visibile o cambierebbe totalmente il colore di fondo … e poi come farlo?

    Posizionati momentaneamente, per prova, ma non incollati i cannoni.







    Fa troppo caldo! Pausa obbligatoria … nel sottotetto non si respira più.

    Riprenderò a settembre quando le temperature saranno più miti.

    Buona segatura a tutti.

    Giorgio 45
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Sab 26 Set 2015, 23:31

    Miglioramenti e piccole modifiche 7

    Dopo una intera estate, con un lungo periodo di grande caldo, passato in parte a spulciare manovre olandesi e continentali con scarsi risultati sia per il poco in circolazione che per il mio inglese non certo eccellente … vengono fuori ulteriori dettagli … ho notato che la gru di Capone era molto semplificata per cui ho rivisto il tutto aggiornandolo alla metà del XVII secolo:

    descrizione della Gru di Capone a tipologia “doppia puleggia”

    • Puleggia in legno da mm. 0,8 (compensato avio 3 strati)
    • Piena, più piccola e intagliata la staffa di rinforzo inferiore
    • Anello per il cavo del paranco (ancora da posizionare)
    • Galloccia laterale sull’ affusto della gru e non sul ponte
    • Rinforzo metallico anteriore
    • Testa fresata e dorata

    Da notare la diversa realizzazione della gru di Capone:
    la prima, dipinta (foto 1), era stata realizzata, decenni fa, a mano libera; la seconda con frese e piano mobile Proxxon … una bella differenza che sintetizza l’attuale modellismo con quello “pionieristico” degli anni di Lusci.











    Giorgio 45

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cervotto il Dom 27 Set 2015, 22:03

    Giorgio 45 ha scritto:Miglioramenti e piccole modifiche 7

    Dopo una intera estate, con un lungo periodo di grande caldo, passato in parte a spulciare manovre olandesi e continentali con scarsi risultati sia per il poco in circolazione che per il mio inglese non certo eccellente … vengono fuori ulteriori dettagli … ho notato che la gru di Capone era molto semplificata per cui ho rivisto il tutto aggiornandolo alla metà del XVII secolo:

    descrizione della Gru di Capone a tipologia “doppia puleggia”

    • Puleggia in legno da mm. 0,8 (compensato avio 3 strati)
    • Piena, più piccola e intagliata la staffa di rinforzo inferiore
    • Anello per il cavo del paranco (ancora da posizionare)
    • Galloccia laterale sull’ affusto della gru e non sul ponte
    • Rinforzo metallico anteriore
    • Testa fresata e dorata

    Da notare la diversa realizzazione della gru di Capone:
    la prima, dipinta (foto 1), era stata realizzata, decenni fa, a mano libera; la seconda con frese e piano mobile Proxxon … una bella differenza che sintetizza l’attuale modellismo con quello “pionieristico” degli anni di Lusci.











    Giorgio 45
    Però le gru della Wasa sono come il primo tipo, cerca immagini della Wasa, quella vera del Wasa Munseet di Stoccolma, e le vedrai.

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cervotto il Dom 27 Set 2015, 22:10

    cervotto ha scritto:
    Giorgio 45 ha scritto:Miglioramenti e piccole modifiche 7

    Dopo una intera estate, con un lungo periodo di grande caldo, passato in parte a spulciare manovre olandesi e continentali con scarsi risultati sia per il poco in circolazione che per il mio inglese non certo eccellente … vengono fuori ulteriori dettagli … ho notato che la gru di Capone era molto semplificata per cui ho rivisto il tutto aggiornandolo alla metà del XVII secolo:

    descrizione della Gru di Capone a tipologia “doppia puleggia”

    • Puleggia in legno da mm. 0,8 (compensato avio 3 strati)
    • Piena, più piccola e intagliata la staffa di rinforzo inferiore
    • Anello per il cavo del paranco (ancora da posizionare)
    • Galloccia laterale sull’ affusto della gru e non sul ponte
    • Rinforzo metallico anteriore
    • Testa fresata e dorata

    Da notare la diversa realizzazione della gru di Capone:
    la prima, dipinta (foto 1), era stata realizzata, decenni fa, a mano libera; la seconda con frese e piano mobile Proxxon … una bella differenza che sintetizza l’attuale modellismo con quello “pionieristico” degli anni di Lusci.











    Giorgio 45
      Però le gru della Wasa sono come il primo tipo, cerca immagini della Wasa, quella vera del Wasa Munseet di Stoccolma, e le vedrai.
    Non basarti molto sulla Couronne di Lusci perché vi sono molti errori. Sivede una "Briglia di Bompresso" che termina sullo sperone, briglia che entrò in uso verso la fine del 1600, poi sono presenti matafioni e marciapiedi che entrarono in uso quando la Couronne era già stata demolita!!
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Lun 28 Set 2015, 23:52

    Ciao Umberto, grazie per essere sempre presente e seguire il mio lavoro.

    Il Wasa è una nave svedese e non olandese, questo porta a piccole differenze costruttive e a diverse usanze.
    Ci sono differenze tra imbarcazioni di nazioni vicine : Spagna, Francia, Olanda, Inghilterra … le nordiche sono ancora più separate rispetto all’Europa continentale quindi non ho pensato di ispirarmi al Wasa anche se le gru di Capone anteriori e non laterali sono bellissime e forse più funzionali, tanto per gli spostamenti laterali dell’ ancora si interveniva con le gru del pescatore.

    La documentazione in mio possesso che spazia dal 1560 al 1660 per le grandi imbarcazioni olandesi (galeoni e vascelli) mi fanno vedere le gru di capone laterali, magari con varie angolature; a questo si possono aggiungere i vari disegni che descrivono “l’ evoluzione dello sperone”.

    Seguendo il tuo pensiero dovrei poi dipingere l’ alberatura di un color biancastro(tipico dell’ Europa del Nord)e non nerastro  come era in uso nel continente(catrame vegetale) … le prossime le faccio in legno naturale; meno problemi!

    Giustissima la tua osservazione sulla “briglia di bompresso”; non c’era e questo comporterà una ulteriore difficolta per non far alzare troppo il bompresso man mano che vengono sistemate le manovre dormienti; servirà una giusta ipercorrezione verso il basso … tentiamo di risolvere un problema alla volta, prima ci sono le coffe che mi stanno facendo impazzire per la loro realizzazione! Ho fatto alcune prove ma la strada è ancora molto lunga.

    Al paragrafo marciapiedi e matafioni … non sono ancora arrivato; prenderò in seria considerazione il tuo appunto.
    A presto

    Miglioramenti e piccole modifiche 8
    Aggiunto il camino della cucina di bordo, all’ epoca molto semplice, anteriormente all’ albero di trinchetto; la cucina era normalmente collocata nel ponte di coperta sotto al castello, ancorata con ganci e circondata, alla base, da piastre in ferro con funzione antincendio.











    Il risultato è bruttino e antiestetico … ma il camino ci doveva essere per forza anche se raramente è riportato nei disegni.

    Giorgio 45

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cervotto il Mer 30 Set 2015, 09:51

    Giorgio 45 ha scritto:Ciao Umberto, grazie per essere sempre presente e seguire il mio lavoro.

    Il Wasa è una nave svedese e non olandese, questo porta a piccole differenze costruttive e a diverse usanze.
    Ci sono differenze tra imbarcazioni di nazioni vicine : Spagna, Francia, Olanda, Inghilterra … le nordiche sono ancora più separate rispetto all’Europa continentale quindi non ho pensato di ispirarmi al Wasa anche se le gru di Capone anteriori e non laterali sono bellissime e forse più funzionali, tanto per gli spostamenti laterali dell’ ancora si interveniva con le gru del pescatore.

    La documentazione in mio possesso che spazia dal 1560 al 1660 per le grandi imbarcazioni olandesi (galeoni e vascelli) mi fanno vedere le gru di capone laterali, magari con varie angolature; a questo si possono aggiungere i vari disegni che descrivono “l’ evoluzione dello sperone”.

    Seguendo il tuo pensiero dovrei poi dipingere l’ alberatura di un color biancastro(tipico dell’ Europa del Nord)e non nerastro  come era in uso nel continente(catrame vegetale) … le prossime le faccio in legno naturale; meno problemi!

    Giustissima la tua osservazione sulla “briglia di bompresso”; non c’era e questo comporterà una ulteriore difficolta per non far alzare troppo il bompresso man mano che vengono sistemate le manovre dormienti; servirà una giusta ipercorrezione verso il basso … tentiamo di risolvere un problema alla volta, prima ci sono le coffe che mi stanno facendo impazzire per la loro realizzazione! Ho fatto alcune prove ma la strada è ancora molto lunga.

    Al paragrafo marciapiedi e matafioni … non sono ancora arrivato; prenderò in seria considerazione il tuo appunto.
    A presto

    Miglioramenti e piccole modifiche 8
    Aggiunto il camino della cucina di bordo, all’ epoca molto semplice, anteriormente all’ albero di trinchetto; la cucina era normalmente collocata nel ponte di coperta sotto al castello, ancorata con ganci e circondata, alla base, da piastre in ferro con funzione antincendio.











    Il risultato è bruttino e antiestetico … ma il camino ci doveva essere per forza anche se raramente è riportato nei disegni.

    Giorgio 45
    La Wasa fu progettata dall' olandese Herik Hybertsson, quindi è molto "tipo olandese". Per le gru di capone non parlavo della posizione, che può variare a piacere tenendo anche conto di evitare le preziose sculture di prua sollevando l' ancora, facevo notare che le pulegge sono "APERTE", non chiuse dentro la gru. Va bene che poi la Wasa non potrebbe essere presa da esempio, fu costruita in fretta perché il re voleva la nave a tutti i costi "Prima che finisca l' estate", quindi molte cose possono essere imperfette.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mar 06 Ott 2015, 22:42

    Miglioramenti e piccole modifiche 8

    Aggiunte (saranno incollate dopo il posizionamento dell’albero) sul ponte principale due pompe di sentina a stantuffo ad una barra (il brimbale manovrato da un solo marinaio) subito dietro l’ albero di maestra.

    Diametro simile a quello dell’ albero di trinchetto.
    Altezza 2/3 delle cavigliere.
    Realizzate ispirandomi a quelle della “Sovering of the Seas”.

    Probabilmente le pompe a stantuffo, considerando la stazza della nave, erano in tutto quattro; le altre due erano collocate sul ponte inferiore e quindi in un zona non visibile del modello.





    Ovviamente non è filato tutto liscio: dopo essermi ricavato da una foto un disegno di quello che intendevo realizzare sono passato alla realizzazione in coppia delle due pompe … errando completamente la grandezza … un fuori scala evidente anche per un principiante.
    Necessario un drastico ridimensionamento … si lavora su miniature in legno … impresa non semplice … tanto da farne perdonare l’omissione a Lusci (espediente necessario per non demoralizzare molti modellisti) … però … è di grande soddisfazione riuscirci.

    Iniziale fase di montaggio di quella fuori scala.
    Mancano ancora le sovrastrutture.



    Prima e dopo la cura.





    Giorgio 45
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mer 07 Ott 2015, 07:51

    Precisazione

    Le due pompe saranno posizionate affiancate sulla linea mediana del ponte e non come in foto, infatti le pompe sono sempre centrali per poter pescare in perpendicolare dal fondo e leggermente a V quando sono doppie.

    Giorgio 45
    avatar
    cantierimodellinavali
    Admin
    Admin

    Maschile Leone Cane
    Numero di messaggi : 2615
    Data d'iscrizione : 17.10.11
    Età : 58
    Località : Roma
    Umore : Tranquillo

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cantierimodellinavali il Mer 07 Ott 2015, 14:32

    Giorgio,

    ... Probabilmente le pompe a stantuffo, considerando la stazza della nave, erano in tutto quattro; le altre due erano collocate sul ponte inferiore e quindi in un zona non visibile del modello ... tanto da farne perdonare l’omissione a Lusci ...

    probabilmente erano pure quattro ma non due sul ponte dove intendi posizionarle tu ma tutte sul ponte inferiore.
    Secondo me non avrebbe senso "faticare" in più per portare l'acqua su un piano più alto per poi ricadere comunque più in basso, poi se così fosse l'acqua che ne uscirebbe andrebbe a "piovere" sul ponte inferiore (è vero che i bagli sono curvi ma con la nave in movimento...)

    Forse Lusci non ha omesso per dimenticanza ma proprio perché a modello finito non si sarebbero viste in quanto coperte dalla vista dal ponte superiore

    A parte questo il lavoro merita, bravo.


    _________________
    marco  

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cervotto il Mer 07 Ott 2015, 18:10

    cervotto ha scritto:
    Giorgio 45 ha scritto:Ciao Umberto, grazie per essere sempre presente e seguire il mio lavoro.

    Il Wasa è una nave svedese e non olandese, questo porta a piccole differenze costruttive e a diverse usanze.
    Ci sono differenze tra imbarcazioni di nazioni vicine : Spagna, Francia, Olanda, Inghilterra … le nordiche sono ancora più separate rispetto all’Europa continentale quindi non ho pensato di ispirarmi al Wasa anche se le gru di Capone anteriori e non laterali sono bellissime e forse più funzionali, tanto per gli spostamenti laterali dell’ ancora si interveniva con le gru del pescatore.

    La documentazione in mio possesso che spazia dal 1560 al 1660 per le grandi imbarcazioni olandesi (galeoni e vascelli) mi fanno vedere le gru di capone laterali, magari con varie angolature; a questo si possono aggiungere i vari disegni che descrivono “l’ evoluzione dello sperone”.

    Seguendo il tuo pensiero dovrei poi dipingere l’ alberatura di un color biancastro(tipico dell’ Europa del Nord)e non nerastro  come era in uso nel continente(catrame vegetale) … le prossime le faccio in legno naturale; meno problemi!

    Giustissima la tua osservazione sulla “briglia di bompresso”; non c’era e questo comporterà una ulteriore difficolta per non far alzare troppo il bompresso man mano che vengono sistemate le manovre dormienti; servirà una giusta ipercorrezione verso il basso … tentiamo di risolvere un problema alla volta, prima ci sono le coffe che mi stanno facendo impazzire per la loro realizzazione! Ho fatto alcune prove ma la strada è ancora molto lunga.

    Al paragrafo marciapiedi e matafioni … non sono ancora arrivato; prenderò in seria considerazione il tuo appunto.
    A presto

    Miglioramenti e piccole modifiche 8
    Aggiunto il camino della cucina di bordo, all’ epoca molto semplice, anteriormente all’ albero di trinchetto; la cucina era normalmente collocata nel ponte di coperta sotto al castello, ancorata con ganci e circondata, alla base, da piastre in ferro con funzione antincendio.











    Il risultato è bruttino e antiestetico … ma il camino ci doveva essere per forza anche se raramente è riportato nei disegni.

    Giorgio 45
     La Wasa fu progettata dall' olandese Herik Hybertsson, quindi è molto "tipo olandese".  Per le gru di capone non parlavo della posizione, che può variare a piacere tenendo anche conto di evitare le preziose sculture di prua sollevando l' ancora, facevo notare che le pulegge sono "APERTE", non chiuse dentro la gru. Va bene che poi la Wasa non potrebbe essere presa da esempio, fu costruita in fretta perché il re voleva la nave a tutti i costi "Prima che finisca l' estate", quindi molte cose possono essere imperfette.
    Molti disegnatori omettono il camino perché "antiestetico" ma anche perché dovevano esserci più di una cucina per tutto l' equipaggio, molto numeroso; Couronne 638; Sovrana dei Mari 780; Victory 850. Con tanta gente una sola cucina non sarebbe bastata, comunque almeno "un camino" è bene metterlo, anche se "antiestetico". Continua così, stai facendo un ottimo lavoro.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mer 07 Ott 2015, 22:01

    Marco, grazie per l’apprezzamento, ma alcune considerazioni mi fanno pensare che la collocazione da me trovata per le due pompe al lato dell’albero di maestra non sia da sottovalutare.
    A parte che nei vascelli di rango maggiore dal XVII secolo in poi erano sempre quattro, ma le pompe a stantuffo, anche con l’avvento di altri tipi di pompe più efficienti, furono mantenute; aspiravano acqua direttamente dal mare che veniva impiegata per pulire i ponti e all’ occorrenza spegnere incendi.

    Cervotto hai ragione, oltre alla cucina c’erano altri accessori per la preparazione del vitto, molto simili alla cucina come i fornelli di rollio, il cui piano rimaneva orizzontale, usato per la cottura delle zuppe e il forno per il pane e la pasticceria.
    Certo non “cucine” enormi e numerose, anche perché era il Re a fornirle sulle navi … ed era una spesa “regale” oculatissima, basti pensare che ci sono giunte scritture inglesi sulle diverse dimensioni delle cucine da fornire in dotazione a seconda del rango dell’imbarcazione.

    Giorgio 45
    avatar
    cantierimodellinavali
    Admin
    Admin

    Maschile Leone Cane
    Numero di messaggi : 2615
    Data d'iscrizione : 17.10.11
    Età : 58
    Località : Roma
    Umore : Tranquillo

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cantierimodellinavali il Mer 07 Ott 2015, 23:05

    Giorgio 45,

    le tue valutazioni le trovo corrette in termini di pompe al lato della Maestra, è soltanto il ponte che non condivido.
    Secondo me dovrebbero essere sul ponte inferiore.


    _________________
    marco  
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Ven 09 Ott 2015, 07:54

    Marco,
    penso che sulla collocazione delle pompe di sentina sia più prudente seguire il tuo consiglio.
    Anche se meno visibili … le sposto al ponte sottostante; il posto c’è.
    Grazie per aver insistito.

    Giorgio 45
    avatar
    cantierimodellinavali
    Admin
    Admin

    Maschile Leone Cane
    Numero di messaggi : 2615
    Data d'iscrizione : 17.10.11
    Età : 58
    Località : Roma
    Umore : Tranquillo

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cantierimodellinavali il Ven 09 Ott 2015, 12:13

    Giorgio,



    _________________
    marco  
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Sab 17 Ott 2015, 21:32

    Miglioramenti e piccole modifiche – manovre 1

    Il gran caldo mi ha dato alla testa … non potendo lavorare ho impiegato parte del tempo a documentarmi sulle manovre del XVII secolo … serve a migliorare e rendere più attendibili i piani di Lusci … ma mancano molte certezze, sono più i “forse”, i “potrebbe essere” … e poi su una nave franco-olandese … con le ovvie diversità di “fare” del continente … ma chi mi ha messo in testa di provarci! Maledetto caldo!

    Sono arrivato chiaramente, in base a quanto trovato, a conclusioni che comunque non possono essere che “probabili” per cui è ben gradito l’ aiuto da chi ha già affrontato il problema anche se dovesse essere giunto a risultati diversi.
    Il tutto cercherò di affrontarlo gradatamente secondo un ordine costruttivo di montaggio.

    Ora il mio lavoro sarà notevolmente più lento perché preferisco “montare” tutte le manovre fisse ed i pennoni “fuori” dallo scafo e poi inserirli … penso che in questo modo ci sia molto più spazio per lavorare; la regola è sempre quella da prua a poppa con un numero molto limitato di vele per esaltare gli intrecci delle molteplici manovre.
    Iniziamo dal bompresso :
    Lavoro lungo che prevede prima di tutto la costruzione della relativa coffa.

    Coffa  (prova di fattibilità)
    Realizzazione con compensato multistrato da mm. 1,5 ed impiallacciatura sagomata da mm. 0,5.
    Tentativo con “spugna” bassa, poi sostituita da nastro biadesivo con supporto “alto”  tagliato ad uso guida per l’incollaggio.
    Il taglio su biadesivo con tagliente fornisce pareti perpendicolari al contrario delle forbici che tendono ad inclinarlo, questo si concretizza in un incollaggio imperfetto e/o inclinato.
    Risultato della prova.












    Metodo veloce, con coffa semplificata ma non tiene conto della verniciatura.

    Ripensamento: da modificare la struttura delle coffe ( inizio 1600).
    Le coffe della Couronne sono, per il periodo storico, diverse da quelle del 1650 riportate da Lusci.
    Essendo indispensabile, per queste, una buona resistenza della struttura, una soluzione è il compensato avio 3 strati reperibile di spessore variabile (parte da mm. 0.4 con spessori  crescenti di mm. 0.6, 0.8 e 1) valido per qualsiasi scala del modello; anche se non economico.
    A presto… per modo di dire… il risultato della prova con tutori completamente diversi…

    Ho beccato un virus che mi ha criptato tutti i dati, le foto i filmati ecc … fortunatamente avevo in parte salvato qualcosa, ma dovrò formattare e recuperare poi i dati … manca all’appello quasi tutto l’ultimo anno… in una settimana dovrei farcela…sto usando ora un vecchio computer …

    Giorgio 45
    avatar
    Walkyrja
    Admin
    Admin

    Femminile Acquario Gallo
    Numero di messaggi : 2679
    Data d'iscrizione : 27.10.12
    Età : 59
    Località : Trieste
    Umore : Terribilimente indaffarata

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Walkyrja il Dom 18 Ott 2015, 12:42

    Giorgio 45 ha scritto:
    Ho beccato un virus che mi ha criptato tutti i dati, le foto i filmati ecc … fortunatamente avevo in parte salvato qualcosa, ma dovrò formattare e recuperare poi i dati … manca all’appello quasi tutto l’ultimo anno… in una settimana dovrei farcela…sto usando ora un vecchio computer …

    Tutto ciò che hai postato con il nostro server di immagini qui sul forum www.servimg.com rimane qui nel forum e non va perduto, andrebbe perso se fosse caricato con altri server di upload tipo Imageshack o Tinypic.

    Quindi alcune tue immagini eventualmente perse sul tuo pc le puoi riscaricare da qui.


    _________________
         
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Dom 18 Ott 2015, 17:51

    Grazie Giulia, per fortuna il forum ti da una mano, ma sono andate perse alcune foto che stavo salvando per illustrare le mie fatiche con il relativo commento oltre a quelle familiari, la mia rubrica, alcuni contatti, interi fogli di calcolo, filmati, ecc.
    Fate attenzione perché si becca con apparenti innocue e-mail!
    Giorgio 45
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Mer 28 Ott 2015, 23:58

    Miglioramenti e piccole modifiche – manovre 2

    Coffa intorno al 1650 da “The rigging of ships in the days of the spritsail topmast, 1600-1720” di R.C.Anderson.



    Le coffe della Couronne

    Si ignora se nella parte piena della coffa il legno fosse ad andamento orizzontale o verticale (come nelle botti)

    Da “manuale di architettura navale dei secoli XVII e XVIII,  edizioni DeA, allegato alla Soleil Royal”



    Tutore:  realizzato su una base di legno morbido con l’aiuto di spilli da sartoria.
    Non rimane altro da fare che un paziente e certosino montaggio.
    Alcune foto.







    La colorazione finale sarà completamente rosso pozzuoli , crocette e colombiere compresi, tranne l’impiantito colore legno naturale come descritto da Lusci.

    Giorgio 45

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cervotto il Gio 29 Ott 2015, 10:00

    Giorgio 45 ha scritto:Miglioramenti e piccole modifiche – manovre 2

    Coffa intorno al 1650 da “The rigging of ships in the days of the spritsail topmast, 1600-1720” di R.C.Anderson.



    Le coffe della Couronne

    Si ignora se nella parte piena della coffa il legno fosse ad andamento orizzontale o verticale (come nelle botti)

    Da “manuale di architettura navale dei secoli XVII e XVIII,  edizioni DeA, allegato alla Soleil Royal”



    Tutore:  realizzato su una base di legno morbido con l’aiuto di spilli da sartoria.
    Non rimane altro da fare che un paziente e certosino montaggio.
    Alcune foto.







    La colorazione finale sarà completamente rosso pozzuoli , crocette e colombiere compresi, tranne l’impiantito colore legno naturale come descritto da Lusci.

    Giorgio 45
    Sei sicuro che vada tutto in Rosso? Di solito crocette e colombiere erano neri e solo il bordo o ringhiera superiore della coffa era in rosso.

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cervotto il Gio 29 Ott 2015, 10:55

    cervotto ha scritto:
    Giorgio 45 ha scritto:Miglioramenti e piccole modifiche – manovre 2

    Coffa intorno al 1650 da “The rigging of ships in the days of the spritsail topmast, 1600-1720” di R.C.Anderson.



    Le coffe della Couronne

    Si ignora se nella parte piena della coffa il legno fosse ad andamento orizzontale o verticale (come nelle botti)

    Da “manuale di architettura navale dei secoli XVII e XVIII,  edizioni DeA, allegato alla Soleil Royal”



    Tutore:  realizzato su una base di legno morbido con l’aiuto di spilli da sartoria.
    Non rimane altro da fare che un paziente e certosino montaggio.
    Alcune foto.







    La colorazione finale sarà completamente rosso pozzuoli , crocette e colombiere compresi, tranne l’impiantito colore legno naturale come descritto da Lusci.

    Giorgio 45
     Sei sicuro che vada tutto in Rosso? Di solito crocette e colombiere erano neri e solo il bordo o ringhiera superiore della coffa era in rosso.
    Il "ROSSO POZZUOLI" è del tutto inadatto perché fu scoperto solo dopo il 1748 con scavi archeologici che portarono alla luce affreschi romani con quella tonalità di rosso. Inoltre vai su www.kotiposti.net/felipe/Pictures/pict troverai immagini di disegni, dipinti, stampe di navi d' ogni nazione e solo la navi inglesi "DOPO IL 1640" hanno colombiere, crocette e testa di moro nere. La Couronne è FRANCESE del 1636.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Ven 30 Ott 2015, 07:46

    No Umberto, non sono sicuro; ho riportato le indicazioni di Lusci.
    Ho trovato per le coffe di quel periodo una forma diversa e una diversa costruzione che ho documentato e cercato di rifare aiutandomi con un tutore di mia realizzazione ma nulla sulla colorazione.
    L’alberatura, almeno nell’ Europa continentale, era spalmata con un catrame vegetale che conferisce un colore nerastro quindi crocette, teste di moro e colombiere possono benissimo essere dipinte di nero come gli alberi ed i pennoni … qualche suggerimento?
    Per il “rosso Pozzuoli” è una definizione moderna di un colore e serve per “capirsi” ma qualsiasi tonalità di un colore è sempre esistita cambia solo a volte il modo di chiamarli in un dato periodo storico.
    Se poi vogliamo essere ancora più precisi il “rosso Pozzuoli” come lo conosciamo noi non esisteva ma è il frutto del viraggio di un colore sottoposto ad alte temperature come quelle che si verificarono nell’eruzione del Vesuvio.
    Giorgio 45
    avatar
    Walkyrja
    Admin
    Admin

    Femminile Acquario Gallo
    Numero di messaggi : 2679
    Data d'iscrizione : 27.10.12
    Età : 59
    Località : Trieste
    Umore : Terribilimente indaffarata

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Walkyrja il Ven 30 Ott 2015, 09:32

    Il rosso Pozzuoli a mio avviso è il cosiddetto Rosso Pompeiano che non sarebbe altro che una sorta di rosso mattone in definitiva.



    _________________
         

    cervotto
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Cancro Tigre
    Numero di messaggi : 384
    Data d'iscrizione : 29.12.14
    Età : 78

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da cervotto il Ven 30 Ott 2015, 09:41

    Giorgio 45 ha scritto:No Umberto, non sono sicuro; ho riportato le indicazioni di Lusci.
    Ho trovato per le coffe di quel periodo una forma diversa e una diversa costruzione che ho documentato e cercato di rifare aiutandomi con un tutore di mia realizzazione ma nulla sulla colorazione.
    L’alberatura, almeno nell’ Europa continentale,  era spalmata con un catrame vegetale che conferisce un colore nerastro quindi crocette, teste di moro e colombiere possono benissimo essere dipinte di nero come gli alberi ed i pennoni … qualche suggerimento?
    Per il “rosso Pozzuoli” è una definizione moderna di un colore e serve per “capirsi” ma qualsiasi tonalità di un colore è sempre esistita cambia solo a volte il modo di chiamarli in un dato periodo storico.
    Se poi vogliamo essere ancora più precisi il “rosso Pozzuoli” come lo conosciamo noi non esisteva ma è il frutto del viraggio di un colore sottoposto ad alte temperature come quelle che si verificarono nell’eruzione del Vesuvio.
    Giorgio 45
     Avevi scritto che coloravi in rosso crocette e colombiere, per questo ho chiesto se sei sicuro. Gli alberi erano in legno naturale, vai su "PICTURES" all' indirizzo che ho scritto, vedrai che gli alberi sono sempre legno naturale e crocette, colombiere, testa di moro sono dipinte di nero solo dopo il 1640 in navi inglesi, per quelle delle altre nazioni molto più tardi e spesso lasciate in legno naturale.
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di fregata
    Capitano di fregata

    Maschile Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 377
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 71
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Giorgio 45 il Ven 30 Ott 2015, 14:28

    Umberto ho provato ad andare sul sito da te indicato,( http://www.kotiposti.net/felipe/Pictures/pict) ma mi risponde “pagina inesistente, è giusto?
    Per la colorazione dell’alberatura in legno naturale sono molto tentato; renderebbe ben visibile molti particolari e ho tempo per decidere; prima ho molta segatura da fare!

    Giulia, si, per rosso pozzuoli intendo il rosso pompeiano.

    Giorgio 45

    Contenuto sponsorizzato

    Re: La mia Couronne, da piani Lusci

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar 27 Giu 2017, 02:13