Modellisti Navali

Non hai effettuato il Login.
Se non hai un Account,puoi Registrarti cliccando su "Registrare"........sarai il Benvenuto su Modellisti Navali.com

Buon Modellismo!

Forum di Modellismo Navale

La Community del Modellismo Navale a 360°

Ultimi argomenti

Navigazione

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 

Statistiche

I nostri membri hanno inviato un totale di 96374 messaggi in 3135 argomenti

Abbiamo 6272 membri registrati

L'ultimo utente registrato è aliseo123


    Il mio primo modello, l’ Indiscret,

    Condividi
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 679
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Il mio primo modello, l’ Indiscret,

    Messaggio Da Giorgio 45 il Sab 15 Nov 2014, 20:40

    Ecco, come promesso, le foto del mio primo modello, l’ Indiscret, uno sciabecco corsaro, di un metro di lunghezza, completato nel lontano 1967 da piani Aeropiccola, restaurato nel 2012…ed ancora esposto alla polvere.
    Periodo quello in cui il modellismo navale, i “vecchi” lo sanno bene, era totalmente diverso sia per la scarsa documentazione reperibile in Italia che per piani approssimativi e semplificati al massimo di alcune case (Aeropiccola, Mantua)con conseguenti errori e lacune o complessi (Lusci) e di non immediata interpretazione, rimanendo in ambito nazionale; gli inglesi facevano e continuano a fare (JoTiKa) dei piani più accurati, specialmente delle loro storiche imbarcazioni.



    Nel restauro ho eliminato, in parte, tutta la polvere accumulatasi nel tempo e aggiunti ai cannoni in batteria alcuni oggetti indispensabili al pezzo per consentirne il caricamento, la pulitura, il raffreddamento (scovolo, cavastracci e leva sagomata, contenitore del cartoccio rosso, un secchio di polvere) (più per un miglioramento estetico che fedele a quello che poteva esserci sul ponte di una imbarcazione in navigazione) e la manovra semplificata (cavi e bozzelli necessari a trincarlo e maneggiarlo)non presenti sui disegni originali.





    Non ho volutamente corretto, per non stravolgere gli antichi piani, i numerosi “orrori”, come la lucidatura dell’intero modellino o la cucina all’aperto all’epoca interpretata per la cabina chiusa della cucina per non parlare del ponte realizzato in compensato poi rigato con la matita e dell’inserimento della gru di Capone, …altri tempi, e poi alla prossima spolverata, forse, apporterò ulteriori correzioni…ma esteticamente la gru di Capone ci sta proprio bene!





    A presto con il modellino della Couronne in cantiere da …decenni.
    Giorgio 45
    avatar
    oldsalt
    Capitano di corvetta
    Capitano di corvetta

    Maschio Scorpione Cavallo
    Numero di messaggi : 307
    Data d'iscrizione : 26.04.12
    Età : 51
    Località : Parma
    Umore : Quasi sereno

    Re: Il mio primo modello, l’ Indiscret,

    Messaggio Da oldsalt il Dom 16 Nov 2014, 08:26

    Fa la sua figura non c'è niente da dire. Quanto alle inesattezze come hai detto tu la documentazione e i piani erano molto limitati e semplificati.
    avatar
    Walkyrja
    Admin
    Admin

    Femmina Acquario Gallo
    Numero di messaggi : 3000
    Data d'iscrizione : 27.10.12
    Età : 60
    Località : Trieste
    Umore : Terribilimente indaffarata

    Re: Il mio primo modello, l’ Indiscret,

    Messaggio Da Walkyrja il Dom 16 Nov 2014, 08:54

    Un gran bel modello, complimenti, ciò che premia secondo il mio parere, è proprio la personalizzazione oltre gli schemi.

    Come ti capisco Giorgio! Io mi iniziai ad avvicinare al modellismo statico navale moltissimi anni fa, se non erro nel 73, grazie a mio nonno che aveva la passione per il legno e m'insegnò come lavorarlo.
    Con la paghetta mi presi il Cutty Sark dell'Aeropiccola all'epoca, e ricordo bene i problemi che ebbi per trasferire i disegni sul legno, giovane, inesperta, e con il materiale e gli utensili dell'epoca, sbattei la testa più volte, ma fu al contempo un grande insegnamento.

    Poi riguardo la personalizzazione trovo che sia basilare e doverosa, immagina se tutti facessero lo stesso modello uguale identico, sarebbero fatti in serie in pratica, capisco che ci si debba attenere a certe regole obbligatorie storiche e non andare troppo lontano da ciò che poteva essere realmente, ma secondo me è proprio la personalizzazione che da anima ai modelli che costruiamo, ed è proprio il bello del modellismo.


    _________________
         
    avatar
    Giorgio 45
    Capitano di vascello
    Capitano di vascello

    Maschio Bilancia Gallo
    Numero di messaggi : 679
    Data d'iscrizione : 13.06.14
    Età : 73
    Località : Lecce
    Umore : sereno

    Re: Il mio primo modello, l’ Indiscret,

    Messaggio Da Giorgio 45 il Lun 17 Nov 2014, 00:08

    Ciao Angelo
    grazie per l’apprezzamento; un modellino semplice che rappresenta una valida palestra per chiunque voglia avvicinarsi al modellismo.
    Ho cercato di migliorare con la Couronne (piani Lusci) che ho ripreso dopo decenni e che presto inserirò in “Navi e Velieri Work in Progress”.

    Ciao Giulia,
    è proprio così, i piani vanno, nei limiti della documentazione storica, corretti e se possibile realizzati, questo è un aspetto del modellismo che tu hai riassunto in una sola parola “personalizzazione”;grazie per i complimenti.
    Brava ad aver ripreso la costruzione della “Perla Nera” dove hai sfoggiato molta creatività; i problemi poi sono il bello del modellismo, solo i tenaci arrivano fino alla fine! …certo che l’illuminazione, in una nave di fantasia, è il tocco in più che lascerà ben apprezzare gli interni.

    Giorgio 45

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Il mio primo modello, l’ Indiscret,

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar 16 Ott 2018, 08:41